oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo


Lascia un commento

PORTUGAL


Portugal – September 2017

I feel like a child coming back from the first school trip.

I am the tile maker, azulejos with different colors and shapes, of the thoughts of tourists, of the Portuguese, of guides, of impressions, of ideas and of drawing; Every piece is poetry, painting, literature, politics.

The first time you visit a country, a city, try to describe it in a few words.

It’s a hard work, if not impossible, the first research is in comparison with other sites, known, known and adding the most or less.

Less green in London, less chaotic than Paris, safer than Amsterdam, more open to gays in Moscow,

with the tendency to generalize, and if you know someone who denies the theory, the whole castle collapses in the air.

A week in Portugal is a taste, Lisbon is a precious jewel to be discovered slowly, an old lady who turns my head even without the glass of Porto at the end of the meal.

I would like to be precise, detailed in telling the trip the places visited, Portuguese dishes, but I can not, I do not want to leave the usual reportage, something different, to read as a story, and I do not know if I can.

Those who decide to plan a trip with other people have a good responsibility, tastes vary, and each trip can be geared to cultural interests, natural surroundings and landscapes, religion, gastronomy, history or anything else.

Plan

I have discarded trips from Italy, though they often have great mixes, but when they try to cover an entire nation, they often turn you like a trott without the possibility of enjoying a place in holy peace.

I used to book the flight Ryan Air and I was lucky because the flights were not subject to cancellations. I would recommend booking about two months before not having to pay exorbitant figures, but I think there were not two people on the flight who paid the exact same amount, the extremely low price in the end is a matter of luck and a long time lost in looking for the price best. For the room I had searched on booking which has become a world leader in bookings, the services seem to be the same as the ones offered by the agency because they draw to the same hotels but then I hijacked the searches on Airb & b.

There is an offer for all tastes and I felt like I did not spend a bit, but when in Lisbon I met two Italians in the Salerno area who had spent half. Boh, you always find someone more experienced in bookings, will be next time! The visit period at the end of September was excellent, always in t-shirt, sunny during the day and only a little while in the evening, with temperatures from twelve to twenty-eight degrees.

Flight and landing

In the landing plane I saw Lisbon for the first time; this went to the ocean and then passed over the statue of Christ Rei, it seems to watch the XXV Aprile bridge and the river Tejo.

Lisbon is divided by the River Tejo, the airport and city center are in the largest and densely populated part.

To get to the apartment I thought to use the navigator, since I also have the internet line on the smartphone in Portugal, then put the public transport option and check which subway and bus stops but after a couple of attempts, I I surrendered and took the taxi, which brought me right in front of the house.

The district of Bairro Alto (the name says it) has a wonderful view. A young Portuguese with a good english shows me the flat on the fourth floor with elevator and explains how I should do to return the keys at the end of the week, how to use satellite television, the operation of the kitchen I will not use.

Volcanic area

Lisbon was destroyed by a severe earthquake in 1755, the island of Madeira and most of Portugal’s territory are of volcanic origin. In particular, Sintra, a city about twenty-five kilometers from Lisbon has very fertile soils and is a real garden.

The sweets

In Lisbon you can roam by tasting the birthday pastel, are fantastic breakfast pastries, but also to enjoy at any time of the day, like ours. There are museums of all kinds, and those who prefer to stay in the city for a few days can do the lisboa card and this allows you to use all the means of transport in the city and surroundings and other discount tourist attractions. A pastry in addition to the birthday pastel also produced sweets on nun recipes, a delicacy.

 

 

Museums and monasteries

One of the museums worthy of note is the Azulejos Museum, to name them in a few words I can say that they are beauty tassels and I do not add anything else. The Belem carriages museum with pieces from other nations such as the French and Italian carriages, are works of art, real homes traveling with real and rudimentary decorations for comfort.

The Mosteiro de Jeronimo in Belem is another jewel to be missed, as well as the Belem Tower.

I do not want to go anymore, guides me with more complete descriptions.
Monastery of Batalha is the first nucleus of Dominican monks, built in Gothic style

 

 

The “ring” tour

I chose not to rent a car for this first tour in Portugal, limited to the Lisbon area, though it included Cabo de Roca, Cascais, Sintra and other Estramadura countries.

Lisboa Card includes train trips to Cascais and Sintra, and there is even a bus linking these two cities, so one day you can visit Lisbon – Cascais – Capo de Roca – Sintra – Lisbon; here is the ring round!

There are trains every twenty minutes for both Sintra and Cascais, departing from the subway stations of Cais de Sodre and Rossio. A do-it-yourself tour with excellent results.

Young Portuguese

They all speak very good English, unlike the middle-aged people who have difficulty with the French, for the Italian then, only in the restaurants!

A Portuguese girl accompanies me to a restaurant I’m referring to, she reports her impressions about her city, informs me that a few days ago there was a demonstration of the inhabitants for the excessive rise in prices in Lisbon, caused by the huge inflow tourist.

We speak in English, and I explain that the law of supply and demand is not by now, Keynes wrote it long ago. All in time can change; states, governments are trying to rewrite the rules of the economy, common efforts are needed, shared, is not easy.

On a train trip to Cascais I meet a young man, ask for information on buses from Cascais to Sintra and point out to me that his navigator indicates a different bus than that of my navigator.

Only then did I understand that the navigator can be set in different ways, and … I learned to use it! Mistakes in something are needed. With the latter we have even become friends on facebook!

Swiss couple

A couple of Swiss people looking for the “buen retiro” are trying to live, they are happy, but they feel crushed by bureaucracy, even in Portugal it does not joke.

They tell me they had asked for a reduced fare for the train, they decided to stay for a month in a country near Cascais, but the discount authorization came after fifteen days and they have not used it anymore.

The Swiss are in the canton of Ticino, an area invaded every day by more than 70,000 frontiers, accepting to work at three thousand euros a month, are preferred to the Swiss.

A Swiss can not get to the bottom of the month with three thousand euros. Each country costs its own.

In Portugal with a thousand euros living big, they rented a villa with this figure. It is obvious that they can afford it.

Sintra, again

On the ring tour I had seen in Sintra the Palacio de Pena, but it was not enough, I went back to visit another tourist attraction: Quinta de Regaleira

The train to Sintra is made up of street musicians and guitar, tambourine and accordion play pieces well known, the ticket for Sintra costs 4.40 euros and with the live music show it seems like the most ridiculous price. They go for the tip, they can not deny it.

Sintra seems to live only with tourism with its villas and palaces, surreal residences like that of the Fifth of the Regaleira.

The visit to the beautiful residence takes at least two and a half hours, but it is worth it.

After the embrace of the old lady the dive in the green of Sintra is an unexpected ecstasy.
Sintra – Quinta de Regaleira details of the park

 

 

 

Weak and flee

During the week of visits to Lisbon and surroundings I used one of those “bites and escape” trips was not in Italian, but in Portuguese and French. As far as I understand the company is the same as the red buses and discovered Sightseeing that animate many European cities.

I happened accidentally at a red bus terminal and asked for information about the services.

On the brochure there were the various offers and I was attracted to one of these “Fatima FD” (full day) with a visit to Obidos, Batalha, Alcobaça, Nazarè, Fatima. The only neo were the driving languages, with two buses with Spanish-English guide and the other with Portuguese-French guide, but nothing in Italian.

Portuguese is different from Spanish, has something in common, but it is understood more difficult; the French I understand enough, and with the two languages ​​at last something came from the explanations of the guide.

alleged

One evening in the lobbing for Lisbon I see a bar and showcase exposed thirty hams hanging, strange a bar with hams! I put it in and wonder why the form and why are small, much smaller than the Italian ones.

Ham in Portuguese is said to be “presumed”, they tell me that they are pig hogs slaughtered within two years and that they are treated with smoked, their company sends them to Spain for the smoker process, then the drying and seasoning salad for a minimum of ten months. The flavor is delicate and aromatic, along with the Spanish hams are considered the best in the world.

Viagem

For shifts within Lisbon, the subway is convenient and fast, with five lines also touching peripheral areas and places of greatest interest.

I used it to go to Belem and at the East stop for Naçoes Park, Oceanarium.

Lisbon has many hills and in the high parts of the subway it does not go, here is the need to take the yellow trams and it is routes trained by tourists in a rushing between narrow streets and steep climbs. The advice of using the Viagem card is to make a daily $ 6.15, with this modicum you can take any type of tram or bus, and even trains.

Safety

In the city I was able to appreciate the police, present in the subway, crossroads, in the chat with Italians met at the restaurant knowing that Lisbon is one of the safest cities in Europe, but also for cleaning does not joke, you do not see dirty on the ground, there are no dumpsters, as if the rubbish went autonomously towards a dump or waste-to-energy plant.

You feel a careful check with those who are not in the rules, for example, cars parked in forbidden areas apply jaws and a tape with prayer to pay immediately the figure of 30 euros otherwise they take away the car.

 

 

Another interesting sign is the ban on feeding the pigeons, I have read it and it seems to me

having understood that the contravent’s will be penalized by one fifth of the salary, so it is not a fixed fine, but it goes according to the income of those who go to give it to eat.

You never end up learning!

 

Taste

So my way of visiting Portugal was to taste it, like delicious dishes, tasting only a few tablespoons on the surface.

I will leave it next time, I hope to find it intact.

 

P.S. il post in italiano è nel blog  http://www.oichebelcastello.it

 

Annunci


Lascia un commento

WILD


 

Wild di Jean-Marc Vallée – 2014

Recensire un film è un modo per ricordarlo, anche se la critica non l’ha molto considerato.

Come per i libri se ci si ferma ad analizzare qualche refuso o errore grammaticale si perde il contenuto, e certe volte il valore è proprio lì.

Wild non è solo il racconto del percorso attraverso le montagne rocciose, la natura dei parchi americani, si tratta di un ennesimo viaggio interiore, quello che serve a certe persone, come se fosse un farmaco salvavita.

Cheryl sceglie di percorrerlo, in un momento brutto della sua vita. Durante il viaggio con dei flash le si ripresentano altre tappe della sua vita. Certi momenti sono stati terribili.

A Cheryl muore la madre. La madre frequentava con lei l’università.

Cheryl è sposata con un uomo che non ama, cade nel tunnel della droga, si prostituisce. Il padre di Cheryl era alcolizzato e violento.

La madre si era ritrovata da sola a crescere due figli, ma non si è mai pentita di quel che ha fatto.

E’ contenta ad avere due figli straordinari.

Spesso si ripete :

– devo rimettermi sulla strada della bellezza.-

La madre di Cheryl si ammala di cancro, morirà in breve tempo. Lascia i figli con un rimpianto :

– non sono mai stata me stessa, non ho mai deciso niente nella mia vita-

Dice alla figlia :

– se c’è qualcosa che vorrei insegnarti è di cercare la tua parte migliore e tenertela per tutta la vita.

Cheryl in una libreria vede un libro che parla di un percorso dalla California alla Columbia britannica (Canada) tra le montagne e pianure.

Nel lungo viaggio incontra molte persone.

La lunghezza del percorso di Cheryl secondo i siti web italiani di recensioni sembra essere di 1600 km.

In Usa hanno le miglia e non i km e la cosa cambia molto. Poi il percorso PST dalla California a British Columbia secondo Maps è di circa 4000 km.

Cheryl lo ha percorso in 94 giorni e la media degli escursionisti è di 30 km al giorno.

C’è qualcosa di strano nei numeri, ma non importa.

Alcune le chiedono se le pesa la solitudine, lei ammette che certe volte si sente più sola nella vita normale che nelle montagne.

Ogni giorno c’è un alba e un tramonto e tu puoi decidere di essere presente, puoi dunque metterti sulla strada della bellezza.

Dice Withman : – sii curioso, ma non giudicare ! –

Al bambino che incontra durante il viaggio ricorda che :

– i problemi non rimangono per sempre, si trasformano in qualcos’altro.

Alla fine Cheryl capisce cosa cerca :

– posso riuscire a perdonarmi ? –

Se fosse stato quello che ho fatto a portarmi qui, ci ho messo anni per essere la donna che mia madre desiderava, dopo essermi persa nella selva del mio dolore, ho ritrovato la strada per uscirne

No, non c’era bisogno di afferrare tutto a mani nude.

La vita è sacra, così vicino, così presente la vera sfida è vivere.

Un bel film, se l’avete perso, potete recuperare!

 


2 commenti

RICETTINA DI MAGGIO Frittata di aglio fresco


A novembre mi erano rimasti molti capi d’aglio dell’anno precedente, molto piccoli. L’aglio troppo piccolo ha lo stesso sapore di quello grande, ma si sbuccia male, non è pratico. Invece di buttarli, a Novembre in una giornata uggiosa e piovosa, li piantai in una zona marginale dell’orto e anziché mettere in terra lo spicchio, decisi di mettere l’intero capo d’aglio.

Con grande meraviglia, in questo periodo invece di ottenere agli grandi, per ogni capo collocato a terra mi sono spuntati tantissimi aglietti.

Come utilizzarli?

Mi è venuta una idea e ho provato a farci una frittata.

 

 

Ho spezzettato i piccoli aglietti utilizzando anche buona parte del gambo, ma non troppo perché sono un po’ duri, ho messo tutto in padella insieme a pezzetti di salsiccia e cominciato a cuocere.

Ho sbattuto due uova con un poco di latte, per ammorbidire e ho continuato a cuocere gli agli, che devono appassire bene.

A questo punto si può salare un pochino e aggiungere le uova sbattute, non deve cuocere tanto la frittata, appena è assodata va mangiata, infatti non ho nemmeno fatto la foto!

Ah ! ecco l’elenco degli ingredienti !

  • un mazzo di aglietti freschi
  • una mezza salsiccia, ma se piace anche intera, poi è quella che fa il grasso perché l’olio non lo metto
  • due uova
  • mezzo bicchiere di latte (anche meno..)

Voglio aggiungere che non si devono impensierire le persone che temono l’aglio per il cattivo odore che rimane quando si mangia crudo. Quando è cotto non si sente nulla, non “ritorna” ed è risultato digeribile e gustoso. Da rifare, tanto di aglietti ne ho molti ancora.

Era tanto che non pubblicavo ricette, e… buon appetito!

 


3 commenti

FURBETTI DEL CARTELLINO


FURBETTI DEL CARTELLINO

Oggi ho proprio voglia di eviscerare, e non pensate ai pesci, la mia mente va alle notizie di cronaca.

Mi hanno colpito le raffiche di notizie sui furbetti del cartellino.

La prima sorpresa è :

– perché tutti ora, in varie parti d’Italia, come se si fossero messi d’accordo, giudici, giornalisti, forze dell’ordine? –

Sembra ci sia uno strano disegno sconosciuto sotto questi spiacevoli eventi.

La prima sensazione è il raccapriccio, viene da chiedersi come mai queste persone non ringraziano per il lavoro che hanno, gli consente il sostentamento per la famiglia; per giunta quel lavoro finora era ritenuto intoccabile.

I furbi sono duri a morire, come piante OGM sono immuni a veleni, a trattamenti, sembrano vivere di vita propria.

Potrebbe anche diventare arduo analizzare i decreti, i nomi dei politici che hanno promosso le leggi, il tira e molla nell’applicazione delle norme, infine una corte costituzionale preparata più a trovare errori di forma in leggi bislacche, che risultare di una qualche utilità al paese.

In questo bailamme cosa può dire il semplice uomo del bar anche se dotato della copia del piccone kossighiano?

Sento di voler capire, analizzare, mi chiedo perché esistono tanti furbi e chi e che cosa ha permesso l’esistenza di tante persone con tanto disamore per il proprio lavoro?

Perché si sentono in dovere di andare a giocare a tennis durante l’orario di lavoro?

Posso capire che ci tengono alla forma fisica per rispondere a tutti i quesiti del cittadino, ma perché insistono a prenderlo per i fondelli?

Mi immagino l’impiegato pubblico frustrato dal lavorare a stretto contatto con la burocrazia, si senta umiliato al solo tentare di districarsi nelle numerose leggi emanate, e gli sembri di avere una gomena a cappio intorno al collo.

Quale risposta può dare il dipendente pubblico se non quella egoistica di rispondere prima di tutto alle sue esigenze e solo dopo quelle del cittadino.

Ecco che poi il problema gli si ritorce contro. Infatti hanno tentato più volte di modificare le leggi che regolano il pubblico impiego.

Quali altre possibili reazioni per i dipendenti pubblici senza amore per il lavoro?

Come al solito si chiude la stalla quando i buoi sono scappati.

Dopo molti anni si sente di nuovo parlare di risorse umane, di formazione, non solo per le imprese private, le nuove idee sembrano davvero lungimiranti.

Meglio allora levarsi di torno i furbetti; allora quelle leggi che mai erano state nemmeno nominate, ora vengono proposte, senza vergogna, senza colpo ferire, sindacati permettendo.

La lungimiranza non sarà per i furbetti, loro troverebbero il modo di non andare nemmeno ai corsi e magari beneficiare ugualmente del punteggio, come se li avessero effettuati, ormai sono troppo calati nella loro parte.

Per chiudere l’articolo in bellezza vorrei aggiungere una considerazione sul tempo dedicato al lavoro. Nel pubblico il tempo è inferiore e deve essere di qualità,  nel privato le quaranta ore sono senza sconti anche sulla timbratura spesso si deve essere già cambiati e non in mutande, insomma un altro mondo.

Molte cose stanno cambiando, quando all’estero mi giunge notizia che in certi paesi come la Danimarca, quando hai finito di fare il tuo lavoro te ne vai a casa, perché se hai finito prima, che ci fai a perder tempo?

Ci farebbero un pensierino anche i tennisti furbetti del cartellino, se lo potessero fare.

L’immagine in evidenza tratta dal sito web leggioggi.it


Lascia un commento

LA COPERTA


La coperta

Quando si scrive per fare chiarezza, se non ci si spiega molto bene con molta probabilità si alimenta solo confusione.

L’intento di questo articolo è di spiegare quello che abbiamo in termini di tasse imposte tributi.

Ci hanno provato in tanti, e dalla nascita dello Stato Italiano è sempre stato un continuo aggiungere, senza mai togliere.

Anche se le classificazioni le avevo studiate a scuola, solo con la pratica riesci a capire le differenze.

Il primo e lontano ricordo risale al cicerone.

– Prendimi un cicerone! – mi disse l’impiegata anziana al termine del lavoro di battitura del contratto. Nella rubrica cartonata, dopo i francobolli il titolare della ditta aveva raggruppato ciceroni di vari colori e valori.

Il cicerone era il nome convenzionale della marca da bollo da applicare sui contratti. Si trattava di un francobollo con l’immagine di Cicerone e conferiva ai fogli protocollo uso bollo una connotazione di sobrietà.

Il bollo, le marche da bollo sono La “marca da bollo” è una carta-valore, in pratica un francobollo da annullare per convalidarne l’uso inventato nel ‘700 per tassare vari prodotti (la più tipica è l’adesivo dei tabacchi) od a contribuire alle spese relative a certi atti pubblici. Fu introdotta in Italia fin dal 1863 (l’impalcatura amministrativa del Regno fu poi sancita nel 1865, quindi due anni dopo!) come pagamento per la convalida di atti e documenti pubblici (ad esempio: domande che comportavano l’emissione di atti amministrativi quale una licenza di commercio, un passaporto – od il rinnovo di questi, atti notarili, dichiarazioni, certificazioni, ecc.).

Proprio per questo oltre a differenziasi per importo si dividono anche in categorie, i principali essendo “Atti amministrativi” ed “Atti giudiziari”

Dal giugno del 2005 al settembre 2007 le marche da bollo tradizionali sono stati affiancate da contrassegni di tipo autoadesivo, rilasciati per via telematica dall’Agenzia delle Entrate nei punti di rivendita, in genere i tabaccai.

Ovviamente è solo la oculata scelta fatta dall’UCAS (Ufficio Complicazioni Affari Semplici) che anche con la nuova procedura si debba specificare il tipo di MARCA, ma almeno il tipo dovrebbe essere spiegato nelle istruzioni delle varie documentazioni da presentare… il guaio è che quasi mai (capita a tutti) abbiamo la pazienza di leggere sino in fondo, leggiamo “marca da bollo da ..” e non guardiamo mai il tipo.

Il guaio è che se la marca è di importo esatto, ma di tipo sbagliato inizia un processo di regolarizzazione che – oltre a comportare un costo elevato – blocca l’iter in attesa della regolarizzazione, in caso di presentazione della domanda.

Probabilmente è peggio con le marche da attaccare ai documenti in sede di rilascio, qualcuno potrebbe ritenerli non validi.

Sappiamo che lo Stato ricorre ad entrate, sia di natura pubblica sia di natura privata, per far fronte alla proprie finalità istituzionali (esigenze di spesa e intervento nell’economia), garantendo così a tutti i soggetti la fruizione di determinati servizi essenziali, quali ad esempio l’istruzione, l’assistenza sanitaria, i trasporti, l’ordine pubblico ecc.

La stragrande maggioranza di queste entrate è di natura fiscale, ossia è conseguita attraverso l’istituzione, l’imposizione e la riscossione dei tributi.

I tributi sono prestazioni patrimoniali coattive, di regola pecuniarie, stabilite dallo Stato – in forza della propria sovranità – con legge o con atti ad essa equiparati (decreti leggi e decreti legislativi).

Ciò detto, è necessario evidenziare che i tributi si differenziano tra loro a seconda del presupposto (ovvero della situazione, del fatto o dell’evento, comunque lo si voglia chiamare) a cui la legge ricollega la loro nascita. I fatti che determinano il sorgere dell’obbligazione tributaria sono tra loro molto diversi, anche se tutti sono suscettibili di valutazione economica.

Nel linguaggio corrente i termini tassa, contributo e imposta vengono spesso utilizzati in modo equivalente, ma in realtà, in sede giuridica, tali espressioni individuano tributi tra loro molto diversi. Vediamoli di seguito nei loro elementi essenziali.

La tassa è un tributo che il singolo soggetto è tenuto a versare in relazione ad un’utilità che egli trae dallo svolgimento di un’attività statale e/o dalla prestazione di un servizio pubblico (attività giurisdizionale o amministrativa) resi a sua richiesta e caratterizzati dalla “divisibilità”, cioè dalla possibilità di essere forniti a un singolo soggetto.

In sostanza è una prestazione patrimoniale dovuta in relazione all’espletamento di un servizio svolto su espressa richiesta del soggetto contribuente.

A titolo esemplificativo si possono menzionare la tassa per la raccolta dei rifiuti, la tassa scolastica, la tassa sulle concessioni governative, la tassa per l’occupazione di spazi e arre pubbliche ecc.

La tassa non deve essere confusa con le tariffe versate dall’utente per la fruizione di determinati servizi pubblici quali, ad esempio, il trasporto ferroviario, il servizio postale e telefonico, le forniture dei gas, elettricità e acqua e così via; in questi casi, infatti, si è di fronte a veri e propri corrispettivi (prezzo) di natura contrattuale e non legale, mentre la tassa è un tributo e, come tale, può essere stabilita solo con legge.

L’imposta si caratterizza per il fatto che il suo presupposto – evento valutabile economicamente – è realizzato dal soggetto passivo e non presenta alcuna relazione con lo svolgimento da parte dell’Ente pubblico di una particolare attività o di un servizio.

Così, ad esempio, è l’operaio, e /o il dirigente che, prestando la loro attività alle dipendenze di un’impresa, pongono in essere il presupposto dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, ovvero, facendo un altro esempio, è l’imprenditore che svolgendo un’attività produttiva realizza personalmente il fatto (attività d’impresa) dal quale deriva l’obbligazione d’imposta.

Ancora, chi è il proprietario di un immobile, e quindi è titolare di un bene che produce un reddito (rendita fondiaria o canone di locazione), è soggetto all’imposta sul reddito delle persone fisiche (salvo che l’immobile non sia configurabile come abitazione principale) e all’imposta comunale sugli immobili (ICI). L’imposta può presentare caratteristiche diverse a seconda degli eventi economici che ne impongono l’applicazione e conseguentemente può essere suscettibile di differenti classificazioni (dirette e indirette, generali o speciali, personali o reali, proporzionali, progressive e regressive ecc.).

Nel linguaggio quotidiano ci capita di parlare indifferentemente di tasse e imposte, volendo indicare genericamente dei tributi che siamo obbligati a versare all’erario.

Non tutti sanno esattamente la differenza tra tassa e imposta: proveremo a spiegarla in maniera molto semplice.

La tassa è un tributo che è sempre collegato ad una determinata prestazione offerta dallo Stato ed ha come presupposto la richiesta, o almeno la fruizione, di questa specifica prestazione. Ad esempio esistono le tasse scolastiche, la tassa di concessione governativa, la tassa per l’occupazione di suolo pubblico, etc. Il contribuente è obbligato a versare una certa somma in corrispondenza di quello specifico servizio.

Le imposte invece non hanno questo presupposto e non sono direttamente collegate ad un servizio corrisposto dalla Pubblica Amministrazione.

Soprattutto, il soggetto le subisce passivamente in virtù non di un servizio pubblico, ma di una situazione patrimoniale personale.

Le imposte si suddividono ulteriormente in imposte dirette quando colpiscono la ricchezza nel momento in cui viene prodotta (IRPEF, redditi da capitale) e indirette quando colpiscono la ricchezza nel momento in cui viene spesa o consumata.

Ora dopo questa lunga introduzione, voglio aggiungere una esperienza personale, in quanto socio di una associazione senza fini di lucro.

Lo scorso anno e nei primi mesi del 2017 abbiamo organizzato eventi culturali legati alla valorizzazione del nostro territorio, presenti storici e letterati, abbiamo fatto conoscere ai presenti certi luoghi poco conosciuti. Al termine insegnanti del locale istituto alberghiero con gli allievi hanno effettuato la somministrazione di alimenti.

Ci è arrivato da pagare una cifra dalla Asl, che ci parifica ad una azienda di somministrazione alimenti, quando in realtà la nostra attività è stata un evento occasionale.

In pratica ci hanno appiccicato un cicerone da 38 euro solo per dire che la Asl sa che verranno somministrati alimenti. Sono quelle cose che si devono pagare e basta e non si riesce a capire perché.

Ma se succede qualcosa e qualcuno si sente male? Ho capito, va bene, ma non è che se ho pagato la tassa alla Asl questo è un parafulmine e mi tutela come l’assicurazione grandi rischi, come al solito, è una coperta troppo corta.

Le regole sono cambiate, e per certi versi non sono cambiate in meglio. Un altro ricordo mi risuona, è il compleanno della figlia all’interno della scuola materna. I genitori oltre venti anni fa potevano partecipare al pranzo con i bambini, fare delle foto ai ragazzi, portare la torta per tutti, una festa aperta, un momento di svago. Tutto cambiato, ora non si può portare niente a scuola e non va bene nemmeno i prodotti con lo scontrino del pasticciere, ci vuole roba confezionata. Le fotografie non scherziamo, è diventata una cosa pericolosa a causa della privacy. Sembra ci sia coinvolto anche wikileaks. No via, scherzo.

Mi chiedo cosa può essere accaduto. Sarà venuto un corpo sciolto a qualcuno e ha sporto denuncia ?

Tributi tasse imposte sono tanto aumentate nel tempo senza che nessuno sia titolato a dire la parola : “basta”.

Ognuna è correlata a una struttura che l’ha ideata, progettata, per portare denaro alla pubblica amministrazione, con preciso riferimento al proprio capannello.

Con l’assommarsi di balzelli di ogni genere, anche quando il capannello non esiste più, spesso rimane la tassa che lo alimentava, infatti chi si può permettere di togliere tasse desuete?

Siccome anche togliere le tasse comporta lavoro, ecco che … è più semplice lasciarle!

Questa è la storia, può darsi arrivino tanti esperti a smentirla, ma la percezione dei cittadini è precisa, fin troppo.

Un esempio ? Non molti anni fa gli oneri di urbanizzazione di una villetta ammontavano a quasi 40.000 euro e poi la villetta avevano da farla… Non mi pare bassa la cifra da versare nelle casse delle amministrazioni locali.

Quando fa freddo e abbiamo una coperta corta da qualche parte ci si scopre e si prende freddo.

Dobbiamo conoscere i limiti di uno stato che impone gabelle.

Le imposizioni di balzelli che alimentano uffici inutili sono inutili a loro volta.

Qualcuno ha pensato a un censimento delle imposte e tasse e chi potrebbe effettuarlo ?

Pensiamoci, e grazie per il tempo dedicato a questa mia riflessione.

Fonti :

http://www.simone.it/economia/sos/19.htm

http://www.infoconsumatori.com/differenza-tra-tassa-e-imposta.htm


Lascia un commento

CONFLITTO


CONFLITTO

Domenica scorsa, Luigi rimase a piedi con la sua Y10 nuova mentre era in giro con la ragazza.

Il carro attrezzi, arrivato quasi subito, caricò l’auto tirandola su con il cavo d’acciaio.

Gridolini isterici di lei e raccapriccio misto a vergogna di lui diedero colore a quella domenica sera.

In fondo si trattava di un guasto, non era successo un incidente, niente di grave.

Luigi, un ex-meccanico riparatore di trattori e camion, sapeva cosa era successo, ma di domenica, con la ragazza, non aveva gli attrezzi giusti e non poteva far ripartire l’auto. Mario, l’autista del carro attrezzi un ex-compagno di scuola di Luigi portò l’auto alla sua officina.

Luigi e Mario dopo un freddoloso assaggio della scuola erano andati a lavorare presso un artigiano con una officina di riparazione camion e trattori.

Luigi si è specializzato nella riparazione di macchine da ufficio e l’altro si è dedicato alle auto con un’officina e camion per il soccorso stradale.

Ognuno dei due meccanici aveva capito di cosa si trattava, ci sono guasti che anche se sai di cosa si tratta non li puoi riparare per strada.

Lunedì mattina Luigi andò a trovare Mario all’officina, con le mani sporche di grasso questi gli andò incontro senza stringergli la mano. Non c’erano molte auto nell’officina, solo un maleodorante e intenso odore di olio bruciato.

Mario aveva già individuato il pezzo rotto, non aveva il ricambio e doveva ordinarlo, comunicò questo a Luigi, (lui fece finta di non aver capito che tipo di guasto era, ma lo sapeva benissimo)

– Bene, allora quando è che me la sistemi ? – chiese Luigi all’ex-compagno di scuola.

– Eh, non so, dipende da quando mi arriva il pezzo. –

– dai non la terrai mica un mese!-

– non lo so, ma se non mi arriva non posso farci nulla. –

Passarono venti giorni che per un auto ferma in officina sono un’eternità, come un gatto che arriva a venticinque anni.

Luigi ritirò l’auto con i soliti commenti del caso, che è una cosa indegna aspettare così tanto una riparazione, ma per fortuna alla fine il pezzo l’hanno inviato.

C’era qualcosa che gli puzzava, come qualcosa di segreto, inconfessabile, dietro quella riparazione così a lungo posticipata; un pezzo non ci mette tanto ad arrivare!

Passa qualche mese e ancora una volta a giro con la ragazza, l’auto si ferma e sembra proprio lo stesso guasto. La ragazza grida più forte della prima volta, ma poi monta su un altro carro attrezzi perché questa volta i due erano andati al mare.

Il meccanico li accompagna a casa. Per fortuna casa e meccanico erano in prossimità della zona del guasto.

Il proprietario della concessionaria Autobianchi nella località balneare il giorno dopo telefonò a Luigi e gli comunicò che l’auto era pronta per il ritiro, e che doveva fargli vedere una cosa.

La faccia di Luigi sbiancò quando vide il pezzo rotto della sua auto, non credeva ai suoi occhi.

Il pezzo sostituito da Mario era un pezzo usato, non poteva essersi ridotto in quel modo in così poco tempo: completamente finito!

Quando Giorgio, il meccanico della concessionaria in tuta blu, glielo consegnò gli disse:

– questo non può essere un pezzo nuovo, si vede che è stato cambiato, non è di questa auto, ha tutti i denti degli ingranaggi rovinati e finiti, non ha meno di 100.000 chilometri e si è rotto-

Luigi non lo stava ascoltando. Pensava già a cosa dire a quell’ex-compagno truffaldino, pensava che la soddisfazione di un addio è un momento di liberazione, che la vendetta è un piatto che va servito freddo, che magari si sarebbero potuti offendere e avrebbero potuto anche andare alle mani.

Pensò infine che alla fine aveva perso solo un amico, ma questa perdita non era un gran valore.

Non mise più piede nella sua officina.

Il ragionamento di Luigi non faceva una piega: – se non hai i pezzi di ricambio e metti pezzi usati, almeno dillo agli amici, bastava saperlo prima, ma non prenderli per scemi! –


Lascia un commento

SPUNTI DI VISTA


SPUNTI DI VISTA di Francalanci Roberto

Il titolo del mio primo libro di racconti poteva essere anche questo, invece è diventato il titolo del secondo libro, pubblicato su AMAZON IN DATA 7 Marzo 2017. Voglio aggiungere che la copertina è stata realizzata da mia figlia Silvia interamente su sua idea e questa è la sua terza copertina per un libro. Un grazie sincero.

I libri in digitale devono essere alleggeriti da immagini, e da ogni superfluo, mi rendo conto solo adesso che non ci ho messo i ringraziamenti, le conclusioni, le note biografiche, ma non importa, ora conta quello che c’è e mi sembra essere molto.  Tre anni fa non avrei mai pensato di iniziare a scrivere e nemmeno pubblicare libri. Mi spiace per gli amanti delle versioni cartacee, ma ancora non ho provveduto a stamparlo. Mettete i follow e vi terrò informati !

PHOTO FOREVER

blog personale di foto , letture , arte in genere , passioni,oggetti di vita contadina auto e moto storiche

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

SmileSwitch

Il giornale di Gaia per Gaia. Evoluzione equilibrata di intuizione e razionalità.

Alessandra V.

Diari BDSM e fantasie Cyberpunk di un'italiana in Canada

Asini a Prata

Asini a Prata a.s.d.

Silia

immagina una lunga strada che non sai dove ti condurrà

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

tuttatoscana

rivista di storia microstoria turismo cultura curiosità a cura di Alessandro Ferrini

territori del '900

identità luoghi scritture del '900 toscano

Gadoumani

" La gourmandise, ça se partage "

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Speradisole's Blog

Stretta la foglia, larga la via dite la vostra che io ho detto la mia

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Redvince's Weblog

Diritti Umani, rispetto per la Terra

Wanderlust

Il Mondo è un Libro e chi non Viaggia ne legge solo una pagina

Frammenti di Utopia

Un brainstorming di idee. A cura di F. Colombari.

In corso d'opera

Studio redazionale

Avevo un sacco di cose da dire (ma le ho dimenticate tutte)

il blog di Mirko Tondi: scrittore precario e a mezzo servizio, perso nei fondali della rete

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

paintdigi

--- ALOZADE a. the artist Show you these artistic creations and ideas. Especially in digital painting. ---- L'artiste ALOZADE a. vous propose ces créations et ses idées artistiques. Surtout en peinture digitale.

flipout4ms

Before the MS diagnosis I was just a weirdo, after I became a Unicorn

Destinazione mondo 20

Blog di viaggi di Angelica e Christian

Il tempio della vita

Federico Morbidelli

turismo cultura

UN BLOG SULLA TOSCANA, TERRA DI COLORI SAPORI E MAGIA..

KATALIZE

Il progetto del Comune di Castelfiorentino a supporto della imprenditoria giovanile

Yellingrosa's Weblog

Poetry, Visual Arts, Music and IT Tech

Il blog di silvia spatafora

Lingua italiana e curiosità

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Life in Tuscany

Discovering Tuscany: events, festivals, places and food

GLOBETROTTING TRAVEL Adventures

AROUND THE WORLD WITH EXPERIENCE

...non solo 'Zero'

"preferisco il ridicolo di scrivere poesie al ridicolo di non scriverne" [W. Szymborska_'Possibilita'']

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

Garfagnana in Giallo

Il premio letterario dedicato ai libri gialli e noir

libri, autori e lettori di Autodafé

per parlare di libri, editoria, scrittura

il Blog Le farine magiche

Tutti Maghi in Cucina

L'Allegra Bottega

"...il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti" (Albert Einstein)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: