oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

ELSA – L’ AMICO FIUME

Lascia un commento


Nel 1965 a causa della crisi dell’industria mineraria la Montecatini di Castelfiorentino aveva cessato l’attività, mio padre ci lavorava e la mia famiglia si trasferì a Orbetello (GR) in altra azienda Montecatini.
Nel 1966 quindi a Castelfiorentino non c’ero, mi trovavo a Orbetello e la notizia della piena nel paese natio non ci arrivò immediatamente.

Ricordo il marito di una cugina di mio padre, appena arrivato ad Orbetello ci annunciò la notizia della tragedia e fu drastico nelle brevi parole comunicate : – Là a Castello muoiono tutti! –

Non vi dico la paura che ci fece prendere !

Anche vicino a Orbetello l’Ombrone si era ingrossato, aveva fatto fatto qualche danno, ma non come nella Valdelsa.

Di fronte a ogni disastro ambientale, ora siamo abituati a ricercare le colpe in tutti quelli che sono intervenuti in modo non corretto nell’ambiente, come se trovare il colpevole risolvesse il problema.
Ancora peggio se dopo l’evento arrivano contributi a pioggia non tanto per ripristinare i danni, ma magari farne di nuovi se non fatti con criterio.

La scelta di agire con le casse di espansione di concerto con il controverso “scolmatore” è stata alla fine per ora premiata, ondate di piena molto alte sono state scongiurate negli ultimi anni.

Un non addetto ai lavori come me non si può addentrare in polemiche sull’operato svolto sul nostro fiume, la critica aiuta solo se è costruttiva, la mia non vuol essere una critica ma un resoconto.

Ho parlato con alcune persone preoccupate affacciate sul ponte del fiume Elsa e ancora trovo molta disinformazione tra i castellani. Con tristezza mi rassegno, e devo constatare che molte delle credenze dei miei genitori e nonni sussistono in molti concittadini.
Ad es.vedono gli alberi nell’alvo del fiume e affermano :
-non hanno pulito! –
oppure :
– siamo alle solite, è tutto da ripulire, ai miei tempi c’erano il cemento e tutti gli scalini –
e sono chiaramente delle affermazioni che rappresentano grave impreparazione sull’argomento.

Molti anni fa amministrazioni provinciali toscane avevano diffuso degli opuscoli per spiegare a tutti come si deve intervenire sul fiume.

Un esempio è l’opuscolo “L’amico fiume” , l’ho ritrovato dopo tanti anni, è una produzione dell’amministrazione provinciale di Siena. Volevo ri-pubblicarlo in rete, sarebbe anche doveroso confrontare i propositi di oltre 10 anni fa con i lavori effettivamente svolti sui fiumi,
esiste un link http://ecoitaly.net/sva/amico_fiume.htm che rimanda all’opuscolo ma è disattivato.

In poco spazio si sintetizzano concetti semplici, credo che l’intento fosse stato di distribuirli nelle scuole, il fumetto spesso rende meglio di tante parole, ma tante ne sono state spese sul fiume e molte hanno provocato più danni che benefici.
Mi sono permesso di scannerizzare solo i disegni e pubblicarli nei documenti del gruppo.

Pensiamo a quante cose sono state fatte sui fiumi e che solo dopo molti anni ci siamo resi conto che producevano più effetti devastanti e negativi di quelli positivi…

1. si estraeva la sabbia di fiume e si è visto poi che per diretta conseguenza nel mare affluiva minore quantità di depositi e le spiagge si ritraevano sempre di più, questa attività è stata interrotta.
2. si costruivano dighe e steccaie per canalizzare l’acqua verso mulini e sfruttare così la forza dell’acqua, questo bloccava il flusso dei sedimenti verso il mare e modificava l’alvo del fiume, questa attività non esiste quasi più in Toscana.
3. non si dovevano cancellare le anse dei fiumi, oltre a rallentare la velocità dell’acqua, le anse avevano l’importante scopo di filtraggio delle acque con le loro sabbie e sassi
4. non si dovevano cementificare i corsi dei fiumi, e tantomeno ricoprire i torrenti con strade (ho visto strade asfaltate sul greto dei fiumi in Calabria presso Cirò Marina, poi ci si stupisce se i fiumi portano via i campeggi)
5. i ponti avrebbero dovuto essere costruiti sul modello dei ponti di epoca romana “a schiena d’asino” (e si possono ancora ammirare) , invece spesso franano perché realizzati “pari strada”
6. gli affluenti torrentizi sono spesso secchi, ma la nostra idea italiana di voler “canalizzare” tutto ci porta a non dimensionare in modo corretto le connessioni tra torrenti e fiumi (vedi Certaldo pochi giorni fa)
molti di questi errori sono menzionati nell’opuscolo.

Tentativi di “avvicinare” la popolazione al fiume Elsa ne sono stati fatti, come ad es. provare l’uso delle canoe nel fiume, il river trophy (gara non competitiva di barche costruite con materiali di recupero), la realizzazione del campo gara per la pesca sportiva, ma sono eventi sporadici, e il fiume continua a fare paura quando si gonfia e arriva con le acque fin quasi al ponte e desta disinteresse in quasi tutti gli altri periodi.

Si è parlato di “parco fluviale” già fin dal 1992 , e credo che progetti, idee, finanziamenti, sono sempre arrivati in tempi diversi con scarsi risultati visibili.
Anche in questo spinoso tema si è speso tempo e denaro in assenza soprattutto di condivisione delle modalità intervento.

Mentre nell’alta valdelsa ci sono i Sentier Elsa vicino Colle Val d’Elsa , sentieri con guadi di 4 km (articolo gonew di Luglio 2013) , nella bassa valdelsa, fiume più largo, le eventuali piste spesso alluvionabili, difficili da gestire, non fonti di reddito, sono state realizzate solo in parte.

Alla televisione ogni giorno vediamo dissesti idrogeologici di ogni tipo, in ogni parte d’Italia, perché la cura di un ambiente è deputata prima di tutto a chi lo abita, e un modello di riferimento “sano” che posso menzionare è quello di alcune comunità montane del Trentino.
Gli amministratori di questi paesi hanno rifiutato di aderire ad alcuni incentivi che anziché tendere a popolare la montagna, la spopolavano, è chiaro che una montagna senza abitanti è più difficile da gestire, l’incuria dei terreni diventa un costo per le piccole amministrazioni locali, e rischiano di diventare aziende fallimentari.

Se ci sono stati degli errori in passato sulla gestione del fiume almeno cerchiamo procedere in maniera corretta da ora in poi, regole e direttive sul come operare sull’ambiente ci sono, occorre solo attuarle, ma soprattutto occorre responsabilizzare i cittadini, e ognuno di noi deve sapere che anche ad es. cementificare intorno casa contribuisce a far accelerare la velocità dell’acqua del nostro amato fiume. Sapere prima di agire !

Annunci

Autore: rfrancalanci

Innanzitutto mi presento : sono uno dei tanti ultracinquantenni che con le leggi di venti anni fa sarebbero già andati in pensione ed invece con le odierne leggi dovranno lavorare (se ci sarà lavoro) altri dieci anni come minimo. Non mi fa paura lavorare, solo mi rende triste dover rimanere inattivo, perché ovunque mi rivolgo tutti mi dicono che “non è compito nostro far lavorare i dipendenti in cassa integrazione o in contratto di solidarietà” Così me ne ritorno a casa mesto, ben conscio che quel barile al quale tutti attingono un bel giorno finirà se non finisce questa crisi, e allora saranno dolori per tutti. I miei genitori e nonni nel periodo post-bellico hanno vissuto veri momenti di solidarietà e di condivisione, non per questo se avete occasione di parlare con qualcuno che ha vissuto quei momenti vi dirà che tutto sommato erano momenti duri, ma felici. Sono nato intorno agli anni sessanta, quando l'Italia era in pieno boom economico e ancora in fase di ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, i padri e le madri in quel periodo cercavano di crescere i figli in condizioni migliori di quelle in cui loro stessi erano cresciuti, il benessere incominciava anche in Italia e con esso l'egoismo, lentamente si insinuava nel comportamento dell'italiano medio. Il danno maggiore alla società odierna comunque è l'introduzione di modelli vincenti verso i quali i giovani sono stati stimolati dai mass-media e dalle dinamiche di gruppo, per semplificare vorrei evidenziare che il modello del “furbo” ci è stato fatto digerire come “sempre vincente” Viene da chiedersi se dobbiamo introdurre un nuovo modello di riferimento, e ora che la rete ci permette di conoscere in quali paesi del mondo secondo noi la vita è migliore, sta a noi poi scegliere a quale ambire , se per es. è migliore la Svezia, o gli Stati Uniti o forse il Buthan, e subito dopo aver pensato globalmente, agire localmente. Credo che "oichebelcastello !" sia un ottima modalità per agire localmente, anche a molti farà sorridere nel ricordare il ritornello della canzoncina intonata agli amici non appena avevamo finito di costruire il nostro castello di sabbia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

PHOTO FOREVER

blog personale di foto , letture , arte in genere , passioni,oggetti di vita contadina auto e moto storiche

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

SmileSwitch

Il giornale di Gaia per Gaia. Evoluzione equilibrata di intuizione e razionalità.

Alessandra V.

Diari BDSM e fantasie Cyberpunk di un'italiana in Canada

Asini a Prata

Asini a Prata a.s.d.

Silia

immagina una lunga strada che non sai dove ti condurrà

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

tuttatoscana

rivista di storia microstoria turismo cultura curiosità a cura di Alessandro Ferrini

territori del '900

identità luoghi scritture del '900 toscano

Gadoumani

" La gourmandise, ça se partage "

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Speradisole's Blog

Stretta la foglia, larga la via dite la vostra che io ho detto la mia

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Redvince's Weblog

Diritti Umani, rispetto per la Terra

Wanderlust

Il Mondo è un Libro e chi non Viaggia ne legge solo una pagina

Frammenti di Utopia

Un brainstorming di idee. A cura di F. Colombari.

In corso d'opera

Studio redazionale

Avevo un sacco di cose da dire (ma le ho dimenticate tutte)

il blog di Mirko Tondi: scrittore precario e a mezzo servizio, perso nei fondali della rete

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

paintdigi

--- ALOZADE a. the artist Show you these artistic creations and ideas. Especially in digital painting. ---- L'artiste ALOZADE a. vous propose ces créations et ses idées artistiques. Surtout en peinture digitale.

flipout4ms

Before the MS diagnosis I was just a weirdo, after I became a Unicorn

Destinazione mondo 20

Blog di viaggi di Angelica e Christian

Il tempio della vita

Federico Morbidelli

turismo cultura

UN BLOG SULLA TOSCANA, TERRA DI COLORI SAPORI E MAGIA..

KATALIZE

Il progetto del Comune di Castelfiorentino a supporto della imprenditoria giovanile

Yellingrosa's Weblog

Poetry, Visual Arts, Music and IT Tech

Il blog di silvia spatafora

Lingua italiana e curiosità

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Life in Tuscany

Discovering Tuscany: events, festivals, places and food

GLOBETROTTING TRAVEL Adventures

AROUND THE WORLD WITH EXPERIENCE

...non solo 'Zero'

"preferisco il ridicolo di scrivere poesie al ridicolo di non scriverne" [W. Szymborska_'Possibilita'']

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

Garfagnana in Giallo

Il premio letterario dedicato ai libri gialli e noir

libri, autori e lettori di Autodafé

per parlare di libri, editoria, scrittura

il Blog Le farine magiche

Tutti Maghi in Cucina

L'Allegra Bottega

"...il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti" (Albert Einstein)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: