oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

SPIRAGLI

2 commenti


spiragli

Img dal web

SPIRAGLI

Giuseppe era lì da tre anni. A trenta anni gli sembrava di aver passato più vite. I tatuaggi visibili rappresentavano il suo vissuto, le sue vittorie, le sue sofferenze. Si poteva leggere in pochi segni un libro intero. Forse a cercar bene ci aveva fatto scrivere anche i suoi errori, per ricordarseli o farli presente agli altri, come un monito. La sua faccia poteva essere stata anche rubiconda molto tempo fa, ora certi muscoli si erano contratti in modo tale da rappresentare una maschera.
Sotto c’era lui, il ragazzone riccioluto, moro, sempre pronto allo scherzo. I giorni fluivano come pece calda. Qualcosa cambiava nel periodo invernale, le cene diventavano l’evento clou.
Non capitava tutti i giorni di avere tanti ospiti in poche ore.
Giuseppe aveva chiesto di lavorare in occasione della cena-evento.
Le cene nel carcere si ripetevano da ormai sette anni, solo nel periodo invernale.
La collaborazione di una catena di supermercati che offriva gli alimenti, una nota vinicola provvedeva ai vini ed esperti sommelier, famosi chef si prestavano gratuitamente per la serata, l’incasso poi era devoluto interamente a scopi umanitari. Tante belle cose tutte insieme.
I detenuti si prestavano volentieri e in questo modo imparavano un mestiere. Alla fine della detenzione, una opportunità in più.
Giuseppe non era di quelle parti, non conosceva nemmeno la città, quando arrivò in quel luogo non fu per turismo. Anche Lucia, la psicologa in servizio al carcere veniva da un altra regione.
Fu Lucia a spiegare a Giuseppe come si presentava da fuori quel luogo, lui non poteva vederlo.
Il carcere visto da fuori tutto poteva sembrare all’infuori di quel che è. Mura medievali del 1500 e altre parti costruite successivamente, ma con geometrie simili davano a quel luogo l’aspetto di una antica fortezza. L’interno Giuseppe lo conosceva. All’interno una chiesa simile alla basilica di San Francesco ad Assisi, anche se molto più piccola, dotata di un piano superiore (quello visibile) e un altro inferiore che nel caso delle cene viene utilizzato come “ristorante” in quanto è una parte sconsacrata della chiesa.
Anche quella sera avevano fatto il pieno di ospiti. L’aperitivo fu servito in un piazzale alberato vicino al campetto di calcio. Giuseppe provvedeva a riempire i bicchieri con il cocktail. Era un giovane molto collaborativo. Sapeva di essere lì perché aveva sbagliato, non c’era bisogno che glielo ricordasse nessuno. Per intrattenere gli ospiti poi lui si era offerto di cantare.
Aveva una bella voce, le canzoni napoletane poi gli venivano a meraviglia, e non era per l’accento.
Lui ci metteva il cuore.
Non voleva strappare lacrime a nessuno, avrebbe voluto far ridere tutti, doveva solo servire a tavola in modo corretto ed esemplare, cantare poi lo faceva per passione e gli veniva anche meglio.
Anche quella sera tutto riuscì molto bene.
Dopo crostini, tartine, e un assaggio di vellutata di zucca servita in bicchierini da caffè, gli ospiti si avviarono verso il ristorante (la chiesa inferiore sconsacrata).
La prima volta che Giuseppe entrò nella chiesa inferiore fu una sensazione molto strana.
Per arrivare al portone di ingresso si passa a lato della chiesa superiore, poi dal retro si arriva ad un portone e aperto quest’ultimo inizia una lunghissima scalinata dritta e verso il basso. Sembra di scendere agli inferi. Arrivati in fondo appare l’enorme sala, unica, senza colonne per oltre cinquanta metri di lunghezza. In occasione della cena l’altare non è visibile. Appare una distesa di tavoli apparecchiati e panche in modo da ospitare gli oltre centoventi commensali.
Entrare all’interno del carcere è concesso solo a secondini, carcerati e ditte fornitrici. Per gli ospiti delle cene quello rimaneva un giorno da imprimere nella memoria.
Agli ospiti è fatto divieto di portare telefonini, sigarette, medicinali, macchine fotografiche, documenti, oggetti metallici ecc.
Nessuno si può portare momenti della serata speciale, nemmeno Giuseppe avrà foto ricordo o altro, tutto rimarrà impresso nella memoria, come quelle carezze delle persone care.
I primi, i secondi, gli ottimi vini serviti da abili sommelier, poi il dolce e ancora qualche altra canzone. A Giuseppe quell’ambiente a contatto con gli ospiti non sembrava più nemmeno un carcere, lo considerava un assaggio di libertà.
La serata volse al termine. L’antico maniero ospitò ancora una volta persone di diverse estrazioni sociali e decine di detenuti servirono la cena. Aziende private ed enti sponsor dell’evento.
E’ successo questo, non si è trattato di un miracolo.
Sono semplici azioni allo scopo di valorizzare le persone, chiunque esse siano.
Purtroppo non molto diffuse.

Annunci

Autore: rfrancalanci

Innanzitutto mi presento : sono uno dei tanti ultracinquantenni che con le leggi di venti anni fa sarebbero già andati in pensione ed invece con le odierne leggi dovranno lavorare (se ci sarà lavoro) altri dieci anni come minimo. Non mi fa paura lavorare, solo mi rende triste dover rimanere inattivo, perché ovunque mi rivolgo tutti mi dicono che “non è compito nostro far lavorare i dipendenti in cassa integrazione o in contratto di solidarietà” Così me ne ritorno a casa mesto, ben conscio che quel barile al quale tutti attingono un bel giorno finirà se non finisce questa crisi, e allora saranno dolori per tutti. I miei genitori e nonni nel periodo post-bellico hanno vissuto veri momenti di solidarietà e di condivisione, non per questo se avete occasione di parlare con qualcuno che ha vissuto quei momenti vi dirà che tutto sommato erano momenti duri, ma felici. Sono nato intorno agli anni sessanta, quando l'Italia era in pieno boom economico e ancora in fase di ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, i padri e le madri in quel periodo cercavano di crescere i figli in condizioni migliori di quelle in cui loro stessi erano cresciuti, il benessere incominciava anche in Italia e con esso l'egoismo, lentamente si insinuava nel comportamento dell'italiano medio. Il danno maggiore alla società odierna comunque è l'introduzione di modelli vincenti verso i quali i giovani sono stati stimolati dai mass-media e dalle dinamiche di gruppo, per semplificare vorrei evidenziare che il modello del “furbo” ci è stato fatto digerire come “sempre vincente” Viene da chiedersi se dobbiamo introdurre un nuovo modello di riferimento, e ora che la rete ci permette di conoscere in quali paesi del mondo secondo noi la vita è migliore, sta a noi poi scegliere a quale ambire , se per es. è migliore la Svezia, o gli Stati Uniti o forse il Buthan, e subito dopo aver pensato globalmente, agire localmente. Credo che "oichebelcastello !" sia un ottima modalità per agire localmente, anche a molti farà sorridere nel ricordare il ritornello della canzoncina intonata agli amici non appena avevamo finito di costruire il nostro castello di sabbia.

2 thoughts on “SPIRAGLI

  1. Peccato che siano poco diffuse, sarebbe un modo per avvicinarsi almeno al vero scopo della detenzione – il recupero delle persone – cosa che oggi lascia molto a desiderare….

  2. Ho fantasticato sulla visione dall’interno, ma le cene galeotte sono una realtà della nostra Toscana. Io ero un ospite 🙂 !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

PHOTO FOREVER

blog personale di foto , letture , arte in genere , passioni,oggetti di vita contadina auto e moto storiche

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

SmileSwitch

Il giornale di Gaia per Gaia. Evoluzione equilibrata di intuizione e razionalità.

Alessandra V.

Diari BDSM e fantasie Cyberpunk di un'italiana in Canada

Asini a Prata

Asini a Prata a.s.d.

Silia

immagina una lunga strada che non sai dove ti condurrà

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

tuttatoscana

rivista di storia microstoria turismo cultura curiosità a cura di Alessandro Ferrini

territori del '900

identità luoghi scritture del '900 toscano

Gadoumani

" La gourmandise, ça se partage "

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Speradisole's Blog

Stretta la foglia, larga la via dite la vostra che io ho detto la mia

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Redvince's Weblog

Diritti Umani, rispetto per la Terra

Wanderlust

Il Mondo è un Libro e chi non Viaggia ne legge solo una pagina

Frammenti di Utopia

Un brainstorming di idee. A cura di F. Colombari.

In corso d'opera

Studio redazionale

Avevo un sacco di cose da dire (ma le ho dimenticate tutte)

il blog di Mirko Tondi: scrittore precario e a mezzo servizio, perso nei fondali della rete

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

paintdigi

--- ALOZADE a. the artist Show you these artistic creations and ideas. Especially in digital painting. ---- L'artiste ALOZADE a. vous propose ces créations et ses idées artistiques. Surtout en peinture digitale.

flipout4ms

Before the MS diagnosis I was just a weirdo, after I became a Unicorn

Destinazione mondo 20

Blog di viaggi di Angelica e Christian

Il tempio della vita

Federico Morbidelli

turismo cultura

UN BLOG SULLA TOSCANA, TERRA DI COLORI SAPORI E MAGIA..

KATALIZE

Il progetto del Comune di Castelfiorentino a supporto della imprenditoria giovanile

Yellingrosa's Weblog

Poetry, Visual Arts, Music and IT Tech

Il blog di silvia spatafora

Lingua italiana e curiosità

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Life in Tuscany

Discovering Tuscany: events, festivals, places and food

GLOBETROTTING TRAVEL Adventures

AROUND THE WORLD WITH EXPERIENCE

...non solo 'Zero'

"preferisco il ridicolo di scrivere poesie al ridicolo di non scriverne" [W. Szymborska_'Possibilita'']

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

Garfagnana in Giallo

Il premio letterario dedicato ai libri gialli e noir

libri, autori e lettori di Autodafé

per parlare di libri, editoria, scrittura

il Blog Le farine magiche

Tutti Maghi in Cucina

L'Allegra Bottega

"...il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti" (Albert Einstein)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: