oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

FURBETTI DEL CARTELLINO

3 commenti


FURBETTI DEL CARTELLINO

Oggi ho proprio voglia di eviscerare, e non pensate ai pesci, la mia mente va alle notizie di cronaca.

Mi hanno colpito le raffiche di notizie sui furbetti del cartellino.

La prima sorpresa è :

– perché tutti ora, in varie parti d’Italia, come se si fossero messi d’accordo, giudici, giornalisti, forze dell’ordine? –

Sembra ci sia uno strano disegno sconosciuto sotto questi spiacevoli eventi.

La prima sensazione è il raccapriccio, viene da chiedersi come mai queste persone non ringraziano per il lavoro che hanno, gli consente il sostentamento per la famiglia; per giunta quel lavoro finora era ritenuto intoccabile.

I furbi sono duri a morire, come piante OGM sono immuni a veleni, a trattamenti, sembrano vivere di vita propria.

Potrebbe anche diventare arduo analizzare i decreti, i nomi dei politici che hanno promosso le leggi, il tira e molla nell’applicazione delle norme, infine una corte costituzionale preparata più a trovare errori di forma in leggi bislacche, che risultare di una qualche utilità al paese.

In questo bailamme cosa può dire il semplice uomo del bar anche se dotato della copia del piccone kossighiano?

Sento di voler capire, analizzare, mi chiedo perché esistono tanti furbi e chi e che cosa ha permesso l’esistenza di tante persone con tanto disamore per il proprio lavoro?

Perché si sentono in dovere di andare a giocare a tennis durante l’orario di lavoro?

Posso capire che ci tengono alla forma fisica per rispondere a tutti i quesiti del cittadino, ma perché insistono a prenderlo per i fondelli?

Mi immagino l’impiegato pubblico frustrato dal lavorare a stretto contatto con la burocrazia, si senta umiliato al solo tentare di districarsi nelle numerose leggi emanate, e gli sembri di avere una gomena a cappio intorno al collo.

Quale risposta può dare il dipendente pubblico se non quella egoistica di rispondere prima di tutto alle sue esigenze e solo dopo quelle del cittadino.

Ecco che poi il problema gli si ritorce contro. Infatti hanno tentato più volte di modificare le leggi che regolano il pubblico impiego.

Quali altre possibili reazioni per i dipendenti pubblici senza amore per il lavoro?

Come al solito si chiude la stalla quando i buoi sono scappati.

Dopo molti anni si sente di nuovo parlare di risorse umane, di formazione, non solo per le imprese private, le nuove idee sembrano davvero lungimiranti.

Meglio allora levarsi di torno i furbetti; allora quelle leggi che mai erano state nemmeno nominate, ora vengono proposte, senza vergogna, senza colpo ferire, sindacati permettendo.

La lungimiranza non sarà per i furbetti, loro troverebbero il modo di non andare nemmeno ai corsi e magari beneficiare ugualmente del punteggio, come se li avessero effettuati, ormai sono troppo calati nella loro parte.

Per chiudere l’articolo in bellezza vorrei aggiungere una considerazione sul tempo dedicato al lavoro. Nel pubblico il tempo è inferiore e deve essere di qualità,  nel privato le quaranta ore sono senza sconti anche sulla timbratura spesso si deve essere già cambiati e non in mutande, insomma un altro mondo.

Molte cose stanno cambiando, quando all’estero mi giunge notizia che in certi paesi come la Danimarca, quando hai finito di fare il tuo lavoro te ne vai a casa, perché se hai finito prima, che ci fai a perder tempo?

Ci farebbero un pensierino anche i tennisti furbetti del cartellino, se lo potessero fare.

L’immagine in evidenza tratta dal sito web leggioggi.it

Annunci

Autore: rfrancalanci

Innanzitutto mi presento : sono uno dei tanti ultracinquantenni che con le leggi di venti anni fa sarebbero già andati in pensione ed invece con le odierne leggi dovranno lavorare (se ci sarà lavoro) altri dieci anni come minimo. Non mi fa paura lavorare, solo mi rende triste dover rimanere inattivo, perché ovunque mi rivolgo tutti mi dicono che “non è compito nostro far lavorare i dipendenti in cassa integrazione o in contratto di solidarietà” Così me ne ritorno a casa mesto, ben conscio che quel barile al quale tutti attingono un bel giorno finirà se non finisce questa crisi, e allora saranno dolori per tutti. I miei genitori e nonni nel periodo post-bellico hanno vissuto veri momenti di solidarietà e di condivisione, non per questo se avete occasione di parlare con qualcuno che ha vissuto quei momenti vi dirà che tutto sommato erano momenti duri, ma felici. Sono nato intorno agli anni sessanta, quando l'Italia era in pieno boom economico e ancora in fase di ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, i padri e le madri in quel periodo cercavano di crescere i figli in condizioni migliori di quelle in cui loro stessi erano cresciuti, il benessere incominciava anche in Italia e con esso l'egoismo, lentamente si insinuava nel comportamento dell'italiano medio. Il danno maggiore alla società odierna comunque è l'introduzione di modelli vincenti verso i quali i giovani sono stati stimolati dai mass-media e dalle dinamiche di gruppo, per semplificare vorrei evidenziare che il modello del “furbo” ci è stato fatto digerire come “sempre vincente” Viene da chiedersi se dobbiamo introdurre un nuovo modello di riferimento, e ora che la rete ci permette di conoscere in quali paesi del mondo secondo noi la vita è migliore, sta a noi poi scegliere a quale ambire , se per es. è migliore la Svezia, o gli Stati Uniti o forse il Buthan, e subito dopo aver pensato globalmente, agire localmente. Credo che "oichebelcastello !" sia un ottima modalità per agire localmente, anche a molti farà sorridere nel ricordare il ritornello della canzoncina intonata agli amici non appena avevamo finito di costruire il nostro castello di sabbia.

3 thoughts on “FURBETTI DEL CARTELLINO

  1. Gli ultimi fatti si riferiscono ad un’ospedale…..e le USL adesso sono private, qundi diciamo che il mal costume non è proprio solo pubblico, e smettiamola di fare sempre di tutta un’erba un fascio, se andiamo a vedere il 90 per cento delle volte si tratta di Enti locali, Comuni, Province ecc…. e non è così dappertutto!

    • Non era mia intenzione fare di tutta un’erba un fascio. Anche il divario pubblico/privato è labile, non è con una pennellata di privato si cambia il cervello e il modo di lavorare delle persone abituate a comportarsi come a casa loro. Il mio intento è l’auspicio che queste brutte storie non dovrebbero rappresentare i comportamenti dei lavoratori pubblici o privati che siano. I cittadini meriterebbero qualcosa di meglio rispetto a quello che ci vogliono presentare i mezzi di informazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

PHOTO FOREVER

blog personale di foto , letture , arte in genere , passioni,oggetti di vita contadina auto e moto storiche

Elisabetta P.

Creative storyteller

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

SmileSwitch

E' tempo di integrazione equilibrata. La complessità del processo di flusso e mutamento continuo sta tra due poli opposti: intuizione e razionalità. L'intuitivo e il razionale sono modi di funzionamento complementari della mente umana.

Alessandra V.

Diari BDSM e fantasie Cyberpunk di un'italiana in Canada

Asini a Prata

Asini a Prata a.s.d.

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

tuttatoscana

rivista di storia microstoria turismo cultura curiosità a cura di Alessandro Ferrini

territori del '900

identità luoghi scritture del '900 toscano

La Cuisine de Mimii🍳

" La gourmandise, ça se partage "

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Speradisole's Blog

Stretta la foglia, larga la via dite la vostra che io ho detto la mia

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Redvince's Weblog

Diritti Umani, rispetto per la Terra

Wanderlust

Il Mondo è un Libro e chi non Viaggia ne legge solo una pagina

Frammenti di Utopia

Un brainstorming di idee. A cura di F. Colombari.

In corso d'opera

Studio redazionale

Avevo un sacco di cose da dire (ma le ho dimenticate tutte)

il blog di Mirko Tondi: scrittore precario e a mezzo servizio, perso nei fondali della rete

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

paintdigi

--- ALOZADE a. the artist Show you these artistic creations and ideas. Especially in digital painting. ---- L'artiste ALOZADE a. vous propose ces créations et ses idées artistiques. Surtout en peinture digitale.

flipout4ms

Before the MS diagnosis I was just a weirdo, after I became a Unicorn

Destinazione mondo 20

(Dis)avventure in diverse fette di cielo.

| A Milano Puoi |

La Milano più bella in tasca.

Il tempio della vita

Federico Morbidelli

turismo cultura

UN BLOG SULLA TOSCANA, TERRA DI COLORI SAPORI E MAGIA..

KATALIZE

Il progetto del Comune di Castelfiorentino a supporto della imprenditoria giovanile

Yellingrosa's Weblog

Poetry, Visual Arts, Music and IT Tech

Il blog di silvia spatafora

Lingua italiana e curiosità

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Life in Tuscany

Discovering Tuscany: events, festivals, places and food

GLOBETROTTING TRAVEL Adventures

TALES FROM THE TRAVELLER

...non solo 'Zero'

"preferisco il ridicolo di scrivere poesie al ridicolo di non scriverne" [W. Szymborska_'Possibilita'']

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

Garfagnana in Giallo

Il premio letterario dedicato ai libri gialli e noir

libri, autori e lettori di Autodafé

per parlare di libri, editoria, scrittura

il Blog Le farine magiche

Tutti Maghi in Cucina

Luminaria sprecata

L'essenziale è invisibile agli occhi

L'Allegra Bottega

"...il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti" (Albert Einstein)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: