oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo


4 commenti

IL PANINO, una provocazione


panino

img dal web

IL PANINO, una provocazione

Non dovremmo mangiare più di quanto abbiamo bisogno.
Nella rincorsa alla quantità e alla qualità abbiamo aggiunto, modificato e rivisto ogni possibile ricetta della nostra storia.
Nel seguire le regole matematiche del buono + buono = due volte buono e sostituendo ottimo + ottimo = due volte ottimo e così via siamo arrivati anche ad aumentare le dosi.
Come nelle merendine…. stiamo assistendo a confezionamenti di vere e proprie bombe caloriche.
I ragazzi degli anni 2000 non si sottraggono a questa regola.
Ancora una volta parlano i dati.
I ragazzi girano con i telefonini fin dalle elementari, ma vanno a scuola accompagnati fino alle medie.
Si allontana sempre di più la data della delega completa delle responsabilità, e vengono loro affidate sempre più tardi.
Ecco la provocazione :
Insegniamo a farsi un panino per la merenda !
Non le patatine o i dolciumi, un vero panino con quello che vorrà vostro figlio o figlia.
Si tratta di una attività che potrà essere effettuata autonomamente.
Sarà contento di svilupparla e sarà gratificato quando se lo mangerà.
Potrà dire di averlo preparato da sé, sarà una merendina di meno dal distributore. Forse lo prenderanno in giro gli amici, ma non dovete pensarlo, non si sa mai.
Ebbene sì !!
Vostro figlio potrebbe lanciare una nuova moda, che poi è vecchia, quella del panino fatto in casa.
Magari non si tratterà di risparmiare e forse costerà di più, ma il panino sarà frutto di una ricerca di cibi genuini. Vostro figlio comincerà ad apprezzare quanto di buono può essere inserito tra due fette di pane, e potrebbe essere di più di una merendina non in termini di calorie, ma di “soddisfazioni”.
E se diventasse l’idea per un pasto ? E se vostro figlio accedesse alle graduatorie degli chef pentastellati ?
E allora tra qualche anno magari vi metterete a tavola impugnando da un lato coltello e dall’altro forchetta dall’altra e chiederete al figlio :
– E oggi che si mangia ? –
Un panino ? O magari solo pane o pomodoro ….
Buon appetito !

Annunci

DEDIZIONE

Lascia un commento


DEDIZIONE

Il sorriso era un particolare che ricordo molto bene.
Proprio ieri al telegiornale intervistavano due giovani giapponesi al festival d’oriente, erano sorridenti ed entrambe affermavano che il sorriso è un atteggiamento positivo, un segnale di apertura.
Mentre i ricordi si sommano e l’esperienza ci arricchisce cerco di trovare dei denominatori comuni, come una via da seguire, un modello che continui ad accompagnarmi e che si modifica come la scarpa vecchia ormai domata dal piede forte.
Il modello non è sempre lo stesso, diventa come noi scegliamo di essere, di vivere, di relazionarci agli altri.

Il sorriso era accompagnato da gesti precisi, azioni misurate, voci pacate.
Le azioni e il tono della voce di un educatore sono atteggiamenti importanti, possono lasciare impronte indelebili in ogni giovane studente.
Incontrare persone competenti e desiderose di trasmettere non solo la materia insegnata, ma l’amore per lo studio e la lettura oltre alla curiosità nel voler conoscere è una fortuna che capita raramente.

Oltre al sorriso era presente un dono particolare : la dedizione.
Una dote purtroppo non sempre presente negli insegnanti inquadrati come “lavoratori”.
Molti ritengono sia sufficiente svolgere il proprio lavoro anche senza quella dedizione necessaria.
Nel dizionario per dedizione si intende
“dedicarsi totalmente e senza riserve a una persona o a un’attività, un ideale”

Il sorriso e la dedizione non erano le caratteristiche principali, ne traspariva un’ altra non meno importante: l’assenza di pregiudizi. Ognuno poteva affidarsi a quella persona sorridente, sapeva di trovare rifugio, consiglio, e comunque indenne da commenti di qualsiasi genere.

Se dovessi insegnare vorrei farlo in quel modo, e oltre a seguire e linee guida molto chiare sopra elencate, consegnare il seguente regolamento ad ogni giovane allievo :

ogni cosa che potrò insegnare sarà qualcosa di pratico e non di teorico
dovranno imparare insieme a me
dovranno sbagliare non una ma chissà quante altre volte
non dovranno avere paura di sbagliare
un loro errore conterà più di cento attività svolte bene con l’aiuto di altri
quello che riusciranno a produrre sarà frutto del loro lavoro e nessuno si dovrà permettere di disprezzarlo
dovranno sempre confrontarsi con i compagni
la collaborazione e lo stimolo a lavorare bene in gruppo saranno il loro punto di forza
ognuno ha i suoi problemi e chi entrerà in classe li dovrà lasciare fuori
un laboratorio è un luogo dove la trasmissione delle competenze deve essere continua
tutti dovranno collaborare e sarà compito dei migliori aiutare gli svantaggiati
all’ingresso un cartello – non si finisce mai di imparare, orario di lavoro : l’intera vita –

E’ iniziata una nuova attività, non ho mai insegnato e sarà una delle prossime azioni, non mi sottraggo quando mi si chiede di mettermi in gioco.

Spero di poter tenere le lezioni con la passione e dedizione dell’insegnante che conobbi molti anni fa.

p.s. ho sempre copiato foto e vignette dalla rete senza chiedere nulla ed indicare le fonti, le immagini di questo articolo sono prese dal blog :
http://nonnamia.iobloggo.com/151/il-potere-del-sorriso
è un inizio, a breve cercherò di inserire il disclaimer del copyright all’interno del blog anche se non so bene come fare.

LEGGERE

Lascia un commento


LEGGERE

Faceva male. La sensazione di dolore non iniziava subito, ma dopo un quarto d’ora iniziava, poi sempre di più.
Era l’unico luogo dove aveva un momento libero per sé, la ragazzina di campagna degli anni trenta.

Faceva male. Il bagno non era dotato delle comode sedute odierne. Rimanere inginocchiati nell’angusto spazio maleodorante dotato di “buca” lasciava dolori ai ginocchi e righe rosse nella pelle. La ragazzina si portava in quell’angolo di intimità tutto quello che trovava da leggere, libri, riviste, ritagli di giornale. Leggere le dava gioia, quella scomoda posizione del procurava dolore.

Faceva male. Mentre leggeva le risuonavano in mente i vecchi adagi di famiglia :
– “il mal cercone non è mai troppo ! “ – (traduzione per chi non avesse capito….“se sei tu a cercarti il male, quello che trovi non è mai abbastanza” N.d.A.)
Ne derivavano malesseri psicologici, il suo era un gesto di disobbedienza alla famiglia, si sentiva in colpa per questo.

Faceva male. Era l’unica opportunità per sottrarsi ai ritmi estenuanti di lavoro degli adolescenti. Leggeva e piangeva. Lo sapeva che se l’avessero vista le avrebbero detto che è tempo perso, non serve a nulla.

Faceva meno male. C’era un altro adagio, le veniva in soccorso e leniva quei dolori :
– Tutto il male non vien per nuocere ! – La ragazzina sperava che il sacrificio le potesse servire a qualcosa prima o poi.

Sperava. La speranza si presenta a coloro che osano. La sua maestra di campagna riponeva in lei gran fiducia, aveva suggerito ai genitori di farla studiare. I genitori non l’ascoltarono. Dovette lottare, sempre, come tutti coloro che non si arrendono all’ineluttabile.

Lottava. Si, quel male servì per farla diventare una adulta responsabile. Dovette lottare sempre e non abbassare mai la guardia nemmeno nel crescere i figli e cercare di infondere loro un giusto senso di responsabilità.

Penso a questo breve racconto e alla notizia degli abbandoni scolastici in Italia dalla scuola dell’obbligo fino all’università, siamo primi in Europa, non possiamo esserne orgogliosi.
Penso anche che le istituzioni scolastiche debbano cominciare a considerare gli studenti come “esseri pensanti” e non semplici contenitori in grado di recepire chilometrici programmi.
Forse è solo un problema di approccio.
Poi oltre al programma scolastico i genitori dovrebbero scegliere un programma casalingo di cultura che non sia solo quella dei giochini.
La scuola non basta più, occorrono degli integratori culturali. Se non esistono, scriviamoli noi !

NON UNO DI MENO

Lascia un commento


NON UNO DI MENO di Zhang Yimou – 1999

Questo film racconta uno spaccato scolastico e sociale della Cina rurale di oggi. E’ la storia di una tredicenne chiamata a sostituire un maestro per una supplenza di un mese. Nel paesino di campagna non voleva venire nessuno ad insegnare, e il capovillaggio aveva trovato solo Wei.
Il Maestro Gao le affida a malincuore la scolaresca ben conscio dell’arduo compito, con la raccomandazione che nessun bambino abbandoni la scuola durante la sua assenza.
Le condizioni della scuola sono il segno dell’alto livello di povertà del villaggio: è priva di tutto, perfino dei gessi che il maestro Gao usa con molta cura.
Uno dei bambini della classe, Zhang, scappa. La madre malata e vedova lo manda a lavorare in città.
La maestra-bambina Wei con molte difficoltà va in città alla ricerca del bambino per riportarlo al paese e quindi a scuola.
Per certi versi il film è quasi un documentario, attori non professionisti, vero maestro, i veri alunni diventano protagonisti, anche la maestra-bambina Wei è una contadina. Il film tratteggia la vita rurale di una Cina attraversata da grandi cambiamenti. Drammatico in certe situazioni, sorprende la caparbietà della maestrina, che ai nostri occhi occidentali rasenta l’incoscienza, ma anche la “forza del popolo” come propulsore per il cambiamento.
Anche se molto distante dai canoni di scuola impostati da De Amicis (per la cronaca Cuore è del 1886) è un film che non dovrebbe mancare nelle cineteche dei nostri insegnanti, e non solo a loro.

PARTECIPAZIONE E FIDUCIA

Lascia un commento


Tempo fa vidi in televisione il sociologo Prof. De Masi, ha la cattedra di Sociologia del Lavoro dell’Università “La Sapienza” di Roma, discuteva del problema progressivo disinteresse delle attività scolastiche dei figli.
Fino alle scuole primarie tutto procede abbastanza bene, i genitori partecipano alle riunioni, anche se non molto numerosi, poi alle medie inferiori un po’ meno, alle superiori la presenze dei genitori sono rare.
De Masi spiegava che nel tentativo di conoscere i genitori degli studenti universitari aveva scritto loro una lettera invitandoli a visitare l’università. Solo due genitori risposero, incuriositi l’avevano contattato, ma a quanto ricordo sarebbe stato meglio se non l’avessero fatto.

Per farla breve il Prof. De Masi avvertiva questo doloroso problema, ma non vedeva soluzioni a breve termine.
In questa sede cerco di analizzare le ragioni di questa diminuzione di partecipazione in una colonna portante della società come la scuola e anche forse un certa diminuzione di considerazione della stessa. Non voglio tentare di attribuire gli eventuali errori a nessuno, ma una lettura dei dati, dei comportamenti finora assunti, un compito non facile, se mi addentro in un tema tanto spinoso è il tentativo di aumentare la partecipazione sia in termini di quantità che di qualità verso le nostre scuole.

L’istruzione e l’educazione dei nostri figli si prende molto tempo della loro vita, pensiamo per una attimo alla prima “consegna” del figlio nelle cure di educatori che per anni trascorreranno molto tempo con i nostri figli, è un lavoro importantissimo, che nelle case signorili di un tempo era affidato a precettori. La fiducia deve stare alla base di un tale rapporto.
Se andiamo molto indietro con gli anni la scolarizzazione di massa non era ben vista, la cultura ha sempre rappresentato il potere, e solo pochi ne erano i detentori.
La Legge Casati del 1859 entra in vigore nel 1860 in un periodo dove si rendeva necessario introdurre l’obbligo di frequenza e i primi due anni del primo biennio furono resi obbligatori e gratuiti, infatti secondo i dati Istat nel 1861 l’analfabetismo maschile era del 74% e quello femminile del 84%, con punte 95% nell’Italia meridionale.

La scuola dell’obbligo italiana risale alla Riforma Gentile (1923) e tra non molti anni compirà un secolo, sono variati di recente il numero degli anni di obbligatorietà , i contenuti sono variati.
Della scuola di un tempo possiamo ricordare con una punta di ironia i fagioli che messi in terra aumentavano il dolore già forte a stare in ginocchio davanti alla cattedra o le bastonate sulle dita, ma non possiamo dimenticare l’autorità degli insegnanti, il rispetto loro dovuto in quanto persone istruite.
La contestazione del ’68 contribuì ad abbassare la qualità della scuola e anche la considerazione da parte degli italiani.
A quasi 50 anni da quei giorni di lotte, sono andato a rileggerne le motivazioni degli studenti universitari.
Siamo in un periodo della scolarizzazione di massa.
Le influenze sui giovani arrivano da comunità hippy, buddismo, induismo, consumi di droghe leggere, fuga dalla società industrializzata.
Ne conseguì un rifiuto di ogni tipo di autoritarismo società, famiglia, scuola.
I giovani si erano resi conto che c’era un potere molto forte nella scuola, ad es. i baroni nell’università.
I baroni esistono ancora oggi, ho letto la recensione di un libro “un paese di Baroni” ne cito alcune righe :
– Paolo Bertinetti, preside della facoltà di lingue e letteratura a Torino afferma di «non aver mai conosciuto nessuno che sia diventato professore solo in base ai propri meriti». Stefano Podestà, ex ministro dell’Università nel 1996 ha dichiarato: «I rettori italiani? La metà di loro è iscritta alla massoneria». Mentre, dati alla mano, Carlucci e Castaldo scrivono che «i rettori hanno famiglia in 25 delle 59 università statali italiane. Quasi il 50% (il 42,3 per l’esattezza) ha nella medesima università un parente stretto, quasi sempre un altro docente». Più chiara ancora la ricostruzione di un dialogo tra docenti nella deposizione rilasciata all’autorità giudiziaria da Massimo Del Vecchio, professore di matematica a Bari – «Se non vengo io, tu non sarai nominato preside» – «Che cosa vuoi in cambio?» – «Due miei parenti falli entrare…». Carlo Sabba, uno dei professori che si è ribellato al sistema dei concorsi truccati, conclude amaramente: «Se non si spezza questa catena, i giovani saranno a immagine e somiglianza di chi li ha arruolati, e tutto rimarrà uguale».
Non ci dobbiamo stupire se le nostre università nelle graduatorie mondiali fanno una pessima figura.
Ora riporto alcuni esempi modelli educativi esteri.
Pensiamo per un attimo al Giappone e al loro imperatore. Si! Non ricordate? Loro hanno ancora l’imperatore ! Ebbene i Giapponesi usano l’inchino come forma di saluto, è un importante gesto di rispetto, tutti hanno l’obbligo di inchino verso l’imperatore, tutti eccetto una categoria , gli insegnanti.
Gli insegnanti in Giappone hanno tanta stima da parte della popolazione, e questo da molto tempo, se si analizzano i comportamenti di certe popolazioni rimaniamo stupiti di quanto siano profonde le origini di certi comportamenti (mi riferisco alla cultura millenaria, la loro storia etc.)
Ho scorso alcuni blog di insegnanti di vari paesi del mondo e in certe nazioni come gli Stati Uniti c’è perfino qualche insegnante che si “vergogna” di svolgere il suo lavoro.
Noi italiani siamo bravissimi nel gioco dello “scaricabarile” , quali potrebbero essere le motivazioni di un un minore controllo, partecipazione e fiducia nella pubblica istruzione ?
I genitori post-68 dovevano esercitare queste attività nei tempi e nei modi previsti, farsi vedere più di quanto invece non hanno fatto.
Non è una scusa affermare di non avere le competenze necessarie.
Non è una scusa la mancanza di tempo da dedicare alla scuola, poteva esserlo quando i lavoratori erano impegnati 10 ore al giorno e anche il sabato, ma ora….
Non è una scusa la delega totale dei figli alla scuola, molti genitori attribuiscono la gestione totale dei figli alle organizzazioni scolastiche.
Se poi si pensa che il tempo trascorso a conoscere le persone delegate all’educazione dei nostri figli, visitare i luoghi dove trascorrono parte della loro vita, sia tempo perso e magari alcuni genitori preferiscano passarlo in un supermercato o alla partita, allora il problema è grave.
Ricordo benissimo il calo della partecipazione progressivo, in certe classi non c’erano nemmeno i genitori per effettuare le votazioni annuali.
Il personale della scuola come si deve sentire con questa carenza di partecipazione?
In mancanza di interesse da parte dei genitori può darsi che insegnanti irresponsabili si sentano autorizzati a non svolgere in modo attento e responsabile il loro lavoro.
Gli irresponsabili ci sono in ogni settore, anche la scuola ha subito l’ingresso di “furbi” atterrati nel pianeta scolastico per lo stipendio sicuro completamente privi del senso di “missione educativa”.
Attenzione! … Se poi sorge qualche problema, allora la partecipazione arriva, e arriva anche troppo, e la scuola non può chiedere ai genitori : – ma prima dove eravate ? –

Il Prof. De Masi sul Corriere in questo mese di Ottobre commenta :
– Qualche tempo fa ho ascoltato un ministro che, per giustificare la mancanza di posti di lavoro, aizzava una folla di giovani contro i vecchi, responsabili, a suo dire, di avere scialacquato le risorse proprie e dei propri figli. Credo di non avere mai assistito, nella mia vita, a un peccato più grave di quello commesso impunemente da questo ministro privo di pìetas, che diabolicamente contrapponeva le generazioni invece di ricomporle in una collettività armonica.
In una società disorientata, dove si è smarrito il discrimine tra bene e male, bello e brutto, vivo e morto, locale e globale, nomade e stanziale, scienza e fede, solo la saggezza della vecchiaia può ripristinare questa armonia.-
Il consiglio di De Masi è il consiglio del saggio e mi unisco a lui più vecchio e più saggio di me e considero che la cosa migliore è mettere da parte ogni rancore.

La fiducia deve ritornare alla base dei nostri atteggiamenti nei confronti della scuola, in fondo è quello che abbiamo, non possiamo averne un’altra, dobbiamo dare fiducia alla scuola, agli insegnanti, e questi si sentiranno investiti della responsabilità necessaria per affrontare il gravoso compito dell’educazione delle nuove generazioni.
Qui nel nostro paese le scuole stanno soffrendo per alcuni problemi di bullismo, credo che come ogni problema che ci si presenta nel corso della nostra vita, la prima cosa è prendere atto che c’è un problema. In molti casi la vittima del bullo subisce e basta. Gli amici di chi subisce se non vuol farlo lui, devono parlarne agli insegnanti.
Ci sono siti specializzati che danno consigli all’individuo come ad es.
http://www.educazione-emotiva.it/bullismo-soluzioni.htm , ma “fare rete” è l’attività che devono esplicare le forze in gioco (psicologi, Asl o altro), i bulli se isolati smetteranno di manifestare la loro nefasta attività peraltro inutile e la scuola potrà dedicarsi di nuovo a formare in modo egregio anche nel nostro paese le future menti di domani.

Vorrei poi affrontare lo spinoso tema della retribuzione degli insegnanti.
E’ un luogo comune “guadagnano un sacco di soldi e lavorano pochissimo ! ”
Vorrei spezzare una lancia a favore degli insegnanti, potete leggere un link con i confronti delle retribuzioni con gli altri paese europei
http://ecolelerbadelvicino.wordpress.com/2013/02/12/i-presunti-privilegi-degli-insegnanti-italiani/

Da poco piu’ di 4.000 euro l’anno della Bulgaria a 104.000 euro l’anno del Lussemburgo e con sistemi di tassazione diversi c’è di tutto, ma chiaramente ogni retribuzione va rapportata al costo della vita locale.
Troppi argomenti vengono trattati sotto un profilo economico, si parla troppo di denaro e poco di futuro, non ci sto a parlare degli stipendi degli insegnanti senza parlare del futuro dei nostri figli.
Il denaro è importante, ma il futuro della nostra società lo è di più, i detentori della somministrazione dell’educazione sono loro, possiamo chiedere che si cambino le regole per un’istruzione diversa, abbiamo modelli parziali da importare da tutto il mondo.
Vogliamo vedere qualche altro modello estero ?
Eccone uno .. la Cina da un breve racconto di un sinologo italiano dopo decine di anni trascorsi in Cina :
– Mi spiegava la mia alunna che le elementari in Cina prevedono lezioni mattina e pomeriggio tutti i giorni dal lunedì al sabato, con anche due rientri serali dopocena e in alcuni casi pure la domenica mattina. I bambini cinesi fanno tutto a scuola, studiano e fanno i compiti. Dal momento che studiano tanto dovrebbero però avere pure una buona conoscenza della lingua straniera, che in genere è l’inglese, cosa che invece non è. L’inglese a livello elementare è insegnato poco e con scarso successo, così come avviene da noi, perché non ritenuto prioritario.-
Aggiungo che questo avviene per 11 mesi l’anno, ah ! , nel mese di vacanze lavorano.

La società sta cambiando troppo in fretta, mentre tutto si è digitalizzato, nelle aule le lavagne con i gessi rappresentano un modello di scuola forse non più adatto ai ragazzi di oggi.
Tanto è stato fatto dagli anni 50 , ripenso al modello pedagogico della scuola di Barbiana, voler respingere il modello di scuola tradizionale, definita “un ospedale che cura i sani e respinge i malati”, in quanto non si impegnava a recuperare e aiutare i ragazzi in difficoltà, mentre valorizzava quelli che già avevano un retroterra familiare positivo.
Occorre ripensare alla fruizione della scuola nel suo insieme, ma questa volta non da “dentro” e non dai poteri forti dell’economia.
In più parti del mondo si sta chiedendo alla scuola di cancellare le materie umanistiche, letterarie a favore di quelle tecniche, scientifiche ritenute più “utili” alla società.
La scuola non deve rappresentare profitto nell’immediato, è l’anello di congiunzione con le radici della nostra storia, della lingua, abbiamo bisogno di ricordare e tenere di conto di tutto questo.
Ci sono anche paesi che soffrono molto nel settore educativo, nell’Afghanistan le insegnanti donne vengono uccise in quanto portatrici di cultura e conoscenza. Dal punto di vista scolastico non sono nemmeno alla Riforma Gentile rispetto a noi, ma ogni paese ha la sua storia e ogni intervento dall’esterno può essere negativo e fatale per un eventuale cambiamento.
Riporto parte di un intervista ad Habiba Sarabi intervistata da Euronews :
“È molto difficile lavorare come politico, soprattutto perché sono il primo e unico governatore donna. Ma il vero problema è che devo stare attenta a ogni passo che faccio altrimenti tutti punteranno il dito contro di me”.
Euronews: “Una delle sue priorità è l’istruzione delle bambine. Quando i taleban erano al potere era proibita, oltre gli otto anni, e le bambine non erano nemmeno in grado di scrivere i loro nomi, solo poche ci riuscivano. Qual è la situazione adesso nella sua provincia e nel resto dell’Afghanistan?”
Habiba Sarabi:
“Oggi l’istruzione delle bambine sta crescendo. Il 38% del totale degli studenti, il 38% sul totale dell’intero Paese, sono bambine, ma nella mia provincia si sale al 44%. Una cifra che è un po’ al di sopra del livello medio di istruzione nel Paese”.
Quest’ultimo riferimento serve a dare conforto, quindi :
– quando pensate di stare male , ricordate sempre che c’è qualcuno che sta peggio ! –

PHOTO FOREVER

blog personale di foto , letture , arte in genere , passioni,oggetti di vita contadina auto e moto storiche

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

SmileSwitch

Il giornale di Gaia per Gaia. Evoluzione equilibrata di intuizione e razionalità.

Alessandra V.

Diari BDSM e fantasie Cyberpunk di un'italiana in Canada

Asini a Prata

Asini a Prata a.s.d.

Silia

immagina una lunga strada che non sai dove ti condurrà

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

tuttatoscana

rivista di storia microstoria turismo cultura curiosità a cura di Alessandro Ferrini

territori del '900

identità luoghi scritture del '900 toscano

Gadoumani

" La gourmandise, ça se partage "

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Speradisole's Blog

Stretta la foglia, larga la via dite la vostra che io ho detto la mia

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Redvince's Weblog

Diritti Umani, rispetto per la Terra

Wanderlust

Il Mondo è un Libro e chi non Viaggia ne legge solo una pagina

Frammenti di Utopia

Un brainstorming di idee. A cura di F. Colombari.

In corso d'opera

Studio redazionale

Avevo un sacco di cose da dire (ma le ho dimenticate tutte)

il blog di Mirko Tondi: scrittore precario e a mezzo servizio, perso nei fondali della rete

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

paintdigi

--- ALOZADE a. the artist Show you these artistic creations and ideas. Especially in digital painting. ---- L'artiste ALOZADE a. vous propose ces créations et ses idées artistiques. Surtout en peinture digitale.

flipout4ms

Before the MS diagnosis I was just a weirdo, after I became a Unicorn

Destinazione mondo 20

Blog di viaggi di Angelica e Christian

Il tempio della vita

Federico Morbidelli

turismo cultura

UN BLOG SULLA TOSCANA, TERRA DI COLORI SAPORI E MAGIA..

KATALIZE

Il progetto del Comune di Castelfiorentino a supporto della imprenditoria giovanile

Yellingrosa's Weblog

Poetry, Visual Arts, Music and IT Tech

Il blog di silvia spatafora

Lingua italiana e curiosità

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Life in Tuscany

Discovering Tuscany: events, festivals, places and food

GLOBETROTTING TRAVEL Adventures

AROUND THE WORLD WITH EXPERIENCE

...non solo 'Zero'

"preferisco il ridicolo di scrivere poesie al ridicolo di non scriverne" [W. Szymborska_'Possibilita'']

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

Garfagnana in Giallo

Il premio letterario dedicato ai libri gialli e noir

libri, autori e lettori di Autodafé

per parlare di libri, editoria, scrittura

il Blog Le farine magiche

Tutti Maghi in Cucina

L'Allegra Bottega

"...il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti" (Albert Einstein)

baciati dall'ansia

Gente con più capelli che anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: