oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Una giornata persa

2 commenti


 

 

 

 

 

Una giornata persa

Mi ero candidato a un posto di lavoro rispondendo alle inserzioni di siti specializzati, e tutto è iniziato con una telefonata, di sabato mattina, mi hanno spiegato che la loro azienda necessita di un posto di back-office. Vado quindi al colloquio il lunedì e dopo cinque minuti mi liquidano dicendomi che mi vogliono rivedere per la giornata di prova, il lunedì successivo.

Ora, tengo a precisare che nel primo colloquio mi avevano spiegato esattamente cosa dovevo fare, acquisizione dei dati della clientela, esercitazioni su un programma di anagrafici, indicata anche la cifra mensile, orario e luogo di lavoro.

Il lunedì successivo, appena sono arrivato mi hanno fatto firmare un foglio, e quello mi ha ricordato tanto un network di assatanati conosciuto una ventina di anni fa e non pensavo esistesse ancora qualcosa di simile.

Non posso parlar male di chi mi ha contattato, ma la ragazza gentile della telefonata non sembrava avere niente a che fare con i ceffi addetti alla selezione che ho incontrato successivamente.

La persona della settimana prima me ne ha presentata un altra dicendo che dovrò starci insieme tutto il giorno.

Mi sono trovato poi catapultato in un altra città a quaranta chilometri a suonare campanelli alla gente, accompagnato anche da due ragazze straniere che potevano essere mie figlie per l’età inferiore ai trenta anni.

Una persona che ti invita per un colloquio di lavoro e poi te ne offre un altro come la vogliamo chiamare? Non voglio fare il nome della ditta, ma raccontare come è successo.

Le aziende sono sfuggevoli come anguille, hanno molti nomi e ogni nome non sembra essere sinonimo di serietà.

Mi avevano cercato per un lavoro di back-office solo che si erano dimenticati dell’office e mi proponevano solo la parte “back”.

Ora se questa gente pensa ancora di avere mercato in un questo mondo credo ci sia qualcosa di sbagliato nel loro cervello e mi chiedo anche se è lecito che continuino a molestare i cittadini nelle loco abitazioni.

Da parte mia, quando voglio cambiare la televisione non aspetto che venga qualcuno a mostrarmi i modelli, guardo in rete, scelgo quella che mi aggrada, magari poi vado in negozio a ritirarla.

Stessa cosa se devo il cambiare gestore dell’energia. A conferma di ciò, un amico mi ha detto sorridendo che se venissero a casa sua li prenderebbe a fucilate, compresi quelli che si spacciano per le letture dell’energia, sostituite da anni dalla telelettura del contatore.

Io li accompagno a suonare campanelli, quasi tutte le porte sono chiuse dall’interno con serrature di sicurezza, nei palazzi dai quattro ai sei piani, all’interno anziani con o senza badanti, ragazzine sole in casa senza genitori, la ricerca mira a trovare la persona titolare dei contratti, inferiore ai settantacinque anni di età, disposta ad ascoltare le offerte di aziende del settore energetico.

La scampanellata è diretta a tutti, aziende e privati, nel caso di aziende viene proposta una azienda, nel caso di privati un altra.

Sono stato con loro tutta la mattina, e non so quante centinaia di campanelli abbiamo suonato, gran parte senza risposta, perché c’è anche tanta gente che lavora e in casa non c’era nessuno.

Mi sono sentito truffato, deriso, ho accettato di girellare con loro la mattina.

Come si fa a pensare che un ultra cinquantenne vada a suonare i campanelli?

Cioè, è pur sempre un lavoro, ma almeno, dimmelo prima!

La giornata di prova non era affatto rispondente alle caratteristiche del lavoro.

Non sono tornato con loro nel pomeriggio.

Sono rimasto in un bar, ho aspettato che mi riportassero nella città dalla quale mi avevano portato via, come fanno i rapitori quando sequestrano l’ostaggio.

Sono una persona che sa essere paziente e poi avevo lasciato l’ombrello nell’ufficio della mattina e dovevo riprenderlo, inoltre mi aspettava il famoso test, al termine della “giornata di prova”.

Mi consegnano il test in una saletta con un rumore infernale, dove alcune ragazze venivano istruite con discutibili modalità per avere la motivazione necessaria per suonare i campanelli.

Il test aveva tutte domande inerenti la vendita e alla fine mi è stato detto che per il posto di back-office avevano già provveduto.

Come la Spam, questa è roba che deve finire e basta. Mi dà noia il fatto che questo comportamento induce illusione in chi spera in un lavoro, e avvalendosi di questo raccolgono adesioni da centinaia di giovani per un lavoro di una inutilità assoluta.

Per essere il primo colloquio dopo trentacinque anni posso solo affermare che mi poteva andare meglio, bastava che dicessero prima le cose come stavano, non avrei nemmeno scritto questo articolo.

Annunci

Autore: rfrancalanci

Innanzitutto mi presento : sono uno dei tanti ultracinquantenni che con le leggi di venti anni fa sarebbero già andati in pensione ed invece con le odierne leggi dovranno lavorare (se ci sarà lavoro) altri dieci anni come minimo. Non mi fa paura lavorare, solo mi rende triste dover rimanere inattivo, perché ovunque mi rivolgo tutti mi dicono che “non è compito nostro far lavorare i dipendenti in cassa integrazione o in contratto di solidarietà” Così me ne ritorno a casa mesto, ben conscio che quel barile al quale tutti attingono un bel giorno finirà se non finisce questa crisi, e allora saranno dolori per tutti. I miei genitori e nonni nel periodo post-bellico hanno vissuto veri momenti di solidarietà e di condivisione, non per questo se avete occasione di parlare con qualcuno che ha vissuto quei momenti vi dirà che tutto sommato erano momenti duri, ma felici. Sono nato intorno agli anni sessanta, quando l'Italia era in pieno boom economico e ancora in fase di ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, i padri e le madri in quel periodo cercavano di crescere i figli in condizioni migliori di quelle in cui loro stessi erano cresciuti, il benessere incominciava anche in Italia e con esso l'egoismo, lentamente si insinuava nel comportamento dell'italiano medio. Il danno maggiore alla società odierna comunque è l'introduzione di modelli vincenti verso i quali i giovani sono stati stimolati dai mass-media e dalle dinamiche di gruppo, per semplificare vorrei evidenziare che il modello del “furbo” ci è stato fatto digerire come “sempre vincente” Viene da chiedersi se dobbiamo introdurre un nuovo modello di riferimento, e ora che la rete ci permette di conoscere in quali paesi del mondo secondo noi la vita è migliore, sta a noi poi scegliere a quale ambire , se per es. è migliore la Svezia, o gli Stati Uniti o forse il Buthan, e subito dopo aver pensato globalmente, agire localmente. Credo che "oichebelcastello !" sia un ottima modalità per agire localmente, anche a molti farà sorridere nel ricordare il ritornello della canzoncina intonata agli amici non appena avevamo finito di costruire il nostro castello di sabbia.

2 thoughts on “Una giornata persa

  1. Sarebbe stato un peccato se non avessi avuto occasione di scrivere questo articolo! E’ una finestra aperta su un “mondo” che chi ha ricordi di un diverso modo di concepire i rapporti di lavoro non è nemmeno in grado di immaginare. Sei stato “il nostro Agente nel selvaggio mondo della gestione delle “risorse umane”. Bene! 😉

    • Grazie ! Scrivere è anche un valvola di sfogo e mi ci voleva. Purtroppo ho anche i ricordi di quello che era un ufficio di collocamento, e sul confronto con gli attuali servizi ci sarebbe da scrivere un altro articolo. Ci sto pensando.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Racconti ondivaghi che alla fine parlano sempre di amore

“Ships are safe in a harbour, but that’s not what ships are made for”

LavoroEsaurito

Storie buffe e divertenti dai più assurdi colloqui di lavoro

PHOTO FOREVER

blog personale di foto , letture , arte in genere , passioni,oggetti di vita contadina auto e moto storiche

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

SmileSwitch.blog

Il giornale di Gaia per Gaia. Evoluzione equilibrata di intuizione e razionalità.

Alessandra V.

Diari BDSM e fantasie Cyberpunk di un'italiana in Canada

Asini a Prata

Asini a Prata a.s.d.

Silia

immagina una lunga strada che non sai dove ti condurrà

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

tuttatoscana

rivista di storia microstoria turismo cultura curiosità a cura di Alessandro Ferrini

territori del '900

identità luoghi scritture del '900 toscano

Gadoumani

" La gourmandise, ça se partage "

oichebelcastello

migliorare il proprio paese e non solo

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Speradisole's Blog

Stretta la foglia, larga la via dite la vostra che io ho detto la mia

simple Ula

I want to be rich. Rich in love, rich in health, rich in laughter, rich in adventure and rich in knowledge. You?

Redvince's Weblog

Diritti Umani, rispetto per la Terra

Wanderlust

Il Mondo è un Libro e chi non Viaggia ne legge solo una pagina

Frammenti di Utopia

Un brainstorming di idee. A cura di F. Colombari.

In corso d'opera

Studio redazionale

Avevo un sacco di cose da dire (ma le ho dimenticate tutte)

il blog di Mirko Tondi: scrittore precario e a mezzo servizio, perso nei fondali della rete

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

paintdigi

--- ALOZADE a. the artist Show you these artistic creations and ideas. Especially in digital painting. ---- L'artiste ALOZADE a. vous propose ces créations et ses idées artistiques. Surtout en peinture digitale.

flipout4ms

Before the MS diagnosis I was just a weirdo, after I became a Unicorn

Destinazione mondo 20

Blog di viaggi di Angelica e Christian

Il tempio della vita

Federico Morbidelli

turismo cultura

UN BLOG SULLA TOSCANA, TERRA DI COLORI SAPORI E MAGIA..

KATALIZE

Il progetto del Comune di Castelfiorentino a supporto della imprenditoria giovanile

Yellingrosa's Weblog

Poetry, Visual Arts, Music and IT Tech

Il blog di silvia spatafora

Lingua italiana e curiosità

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Life in Tuscany

Discovering Tuscany: events, festivals, places and food

Globetrotting TRAVEL ADVENTURES

AROUND THE WORLD WITH EXPERIENCE

...non solo 'Zero'

"preferisco il ridicolo di scrivere poesie al ridicolo di non scriverne" [W. Szymborska_'Possibilita'']

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

Garfagnana in Giallo

Il premio letterario dedicato ai libri gialli e noir

libri, autori e lettori di Autodafé

per parlare di libri, editoria, scrittura

il Blog Le farine magiche

Tutti Maghi in Cucina

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: